Crescere, non sempre è vantaggioso

…per l’ambiente. L’economia mondiale torna a crescere ma con lei anche le emissioni di CO2. Lo rivela il Global Carbon Project a pochi giorni dalla Conferenza di Cancùn.

Le emissioni di CO2 nell’atmosfera sono tornate a crescere. Ad
affermarlo è il Global Carbon
Project
in un articolo apparso su Nature
Geoscience
dove viene anche rivelato come Cina e India
siano tra i paesi maggiormente responsabili di questo
incremento.

 

Secondo i calcoli degli esperti, le emissioni nel 2010
cresceranno del 3 per cento, tornando così
ai valori record registrati prima della crisi economica. Nel 2009,
infatti, il calo è stato dell’1,8 per cento.

 

Ma proprio la fine della crisi economica è identificata
come una delle cause che hanno portato ad un nuovo aumento delle
emissioni. Come spesso accade, infatti, a una cattiva notizia in
tema ambientale ne corrisponde una buona in ambito economico. E la
buona notizia sarebbe che, secondo le proiezioni, quest’anno il Pil
globale tornerà a crescere del 4,9 per cento.

 

Ma non è tutto. L’Agenzia federale sugli oceani e
l’atmosfera che fa capo al governo degli Stati Uniti
(NOAA) ha rivelato che il mese
di ottobre che si è appena concluso è stato
l’ottavo
mese più caldo
rispetto alla media del
ventesimo secolo con un’anomalia di +0,54 gradi. Il record
appartiene all’ottobre 2003.

 

L’anno 2010 sembra invece destinato a diventare l’anno
più caldo dal 1880. I primi dieci mesi hanno rivelato un
riscaldamento record a livello globale (+0,63 gradi) ma con una
differenza tra l’emisfero nord e quello sud: le aree continentali
poste nell’emisfero nord sono risultate molto più
calde.

Articoli correlati