Cammini e itinerari

Le meraviglie dell’Italia, Sharewood e LifeGate lanciano un e-book gratuito per non dimenticare quanto è bello il nostro paese

Sharewood e LifaGate danno la possibilità di scaricare gratuitamente una pubblicazione che racconta le bellezze italiane: da nord a sud, le località che ci hanno fatto sognare e aspettano solo di tornare a vivere.

Si può scaricare gratuitamente con pochi clic l’e-book Le meraviglie dell’Italia, realizzato da LifeGate, punto di riferimento della sostenibilità, Sharewood, la piattaforma per la prenotazione di esperienze outdoor e viaggi natura e sport che promuove itinerari e attività sostenibili.  L’iniziativa che vede collaborare ancora una volta le due realtà, ha l’obiettivo di non fermare, seppur simbolicamente, il turismo del nostro Paese.

Le meraviglie dell’Italia è rivolta infatti a chiunque ami l’Italia, ma è soprattutto pensato per i viaggiatori responsabili, quelli che vogliono scoprire i percorsi in natura, vivere all’aria aperta e visitare beni culturali poco conosciuti. Quelli che preferiscono degustare i piatti del territorio, che rispettano i costumi, la cultura e gli stili di vita locali. Persone che non hanno smesso di sognare e organizzare viaggi, nemmeno durante questa emergenza e che sperano presto di tornare a godere del bel paese. Una guida alle bellezze italiane da leggere in questi giorni per programmare un futuro, ci auguriamo molto prossimo.

 

Leggi anche: LifeGate e Sharewood, nasce la piattaforma per viaggi outdoor sostenibili

Le meraviglie dell’Italia, l’e-book di Sharewood per raccontare il paese

 

Dal Trentino Alto Adige alla Sardegna: grazie a questo e-book di 49 pagine, si fa il giro del paese insieme ai partner di Sharewood, operatori turistici attenti al pianeta, che invitano a scoprire nuove culture e a sostenere e valorizzare le realtà locali.

E anche se adesso fare kayak o surf nei mari liguri, davanti a Bogliasco o Portofino, oppure pedalare in Valle d’Itria e fermarsi a gustare le specialità pugliesi sono ancora solo sogni, grazie a questa pratica guida gratuita, potremo presto tornare a organizzare i nostri itinerari di vacanza. Solcare il mare delle Marche in barca a vela, conoscere a fondo la cultura e il territorio della Valtellina, attraversare la Maremma in bicicletta: possiamo ancora farlo. Così come rafting in Val Sesia o addirittura in Calabria, tra paesaggi inaspettati e per questo ancor più meravigliosi. Perchè l’Italia oggi, immobile per l’emergenza ma non doma, è ancora, nonostante tutto, il paese più bello al mondo.

Un canale a Venezia © Marco di Lauro/Getty Images
Un canale a Venezia, desolata in questi giorni ma sempre splendida © Marco di Lauro/Getty Images

Una ricchezza dimenticata

Bisogna ripartire, in senso figurato e non, proprio dall’enorme bellezza del nostro paese: un patrimonio culturale, storico, artistico e naturale che è la nostra più grande ricchezza e che va dunque salvaguardata, così come la salute. Un intento condiviso sia da LifeGate che da Sharewood che collaborano da qualche tempo e incentivano un turismo attento e responsabile.

Questo momento finirà ma la storia, la cultura e la bellezza del nostro Paese resteranno per sempre. Il nostro compito è valorizzare e proteggere la bellezza che ci circonda, permettendo a tutti di vivere #epicoutdoormoments in modo più responsabile, più sostenibile” dice Piercarlo Mansueto Ceo e founder di Sharewood che ha lanciato questa bella iniziativa che è un regalo per tutti e un gesto d’amore per l’Italia.

Un periodo per tutti di riflessione su ogni aspetto riguardi il benessere, in senso ampio, economico, ambientale e sociale. Ognuno deve fare la propria parte e anche viaggiare in modo sempre più sostenibile e consapevole ne è una fetta importante.

 “Il momento che stiamo vivendo ci obbliga a rivedere il nostro presente e ad affrontare nuove sfide che potranno diventare il motore del futuro – dichiara Enea Roveda, Ceo di LifeGate – siamo felici di supportare un’iniziativa come quella ideata da Sharewood che adatta all’impossibilità di intraprendere un viaggio, la riscoperta della nostra terra e alla sua ricchezza spesso dimenticata”.

Articoli correlati