In Francia una cooperativa rilancia le tratte ferroviarie dismesse

Si chiama Railcoop e punta a dare nuova vita alle vecchie tratte ferroviarie della Francia, abbandonate a vantaggio dell’alta velocità.

Se tutti dobbiamo fare la nostra parte per risolvere la crisi climatica, e se parte di essa dipende dalle emissioni prodotte dai trasporti, perché non puntare sui treni? Si dirà: almeno in parte già lo facciamo. Vero. Ma finora si è investito soprattutto sulle tratte ad alta frequenza (e velocità): quelle cioè che per le aziende risultano più redditizie. Eppure in Europa esistono migliaia di chilometri di tratte dimesse o sotto-utilizzate. Ristrutturandole, si potrebbe garantire a milioni di persone la possibilità di spostarsi con un mezzo a basso impatto.

La prima linea ferroviaria ripristinata sarà la Bordeaux-Lione

È quello che ha immaginato la cooperativa francese Railcoop, che ha deciso appunto di rilanciare le linee abbandonate dalla compagnia Sncf. La piccola azienda è riuscita a mettere assieme 1,5 milioni di euro per ottenere una licenza ferroviaria. Così, a partire dal 2022 sarà nuovamente attivata la linea Bordeaux-Lione, che fu dismessa nel 2014 per far spazio al Tgv (il treno ad alta velocità transalpino). Inizialmente solo di notte, poi anche in orari diurni.

L’obiettivo – riferisce la stampa francese – è di superare la marginalizzazione di alcuni territori e, al contempo, partecipare alla transizione ecologica. Un progetto al quale hanno partecipato più di seimila società, che hanno comprato quote della Railcoop concedendole i capitali necessari per avviare l’impresa.

Treni ad alta velocità in Francia
Il mercato dei treni ad alta velocità ha portato alla dismissione di numerose tratte in Francia © Cate Gillon/Getty Images

Il quotidiano Novethic ricorda infatti che “da un secolo a questa parte la Francia ha visto ridursi la propria rete di ferrovie. Alcune, considerate troppo in deficit, in cattivo stato e poco frequentate, sono state chiuse”. La Railcoop ha spiegato in questo senso che la dismissione della linea Bordeaux-Lione (lunga circa 600 chilometri) “impone oggi di passare per Parigi per collegare le due città”. Il che significa più che raddoppiare la distanza.

Ad oggi in Francia solo il 9 per cento delle merci viaggia su rotaia

La cooperativa stima un potenziale numero di passeggeri annui pari a 690mila. Per la tratta il prezzo del biglietto sarà di 38 euro: un costo molto competitivo. E successivamente si punta a recuperare anche le linee Tolosa-Rennes e Lione-Thionville.

La speranza è che ciò consenta anche di ridare slancio economico a tutte le cittadine che saranno servite lungo la tratta. Per farlo, la Railcoop affitterà locomotive e vagoni presso la Sncf. Ma in futuro la speranza è di rendersi indipendente, puntando anche al trasporto ferroviario di merci: ad oggi soltanto il 9 per cento  del totale di beni spostati in Francia viaggia sui binari.

Articoli correlati
Mercatini di Natale, a ognuno il suo

C’è il più grande di tutti e quello al coperto, c’è quello “green” e quello fiabesco. Scoprite dove sono i mercatini di Natale più belli e partite! E se volete fare un regalo anche all’ambiente, muovetevi in modo sostenibile

sponsorizzato da Toyota Beyond Zero