Intimità. Punto di partenza e di arrivo

Tutti conosciamo le gioie dell’innamoramento e della luna di miele che ne segue. Ma questa è solo la prima fase, all’interno della coppia.

L’intimità ha le sue fasi e i suoi momenti e cresce con il
maturare della coppia attraverso la gioia,
l’impegno e un senso di reciproco supporto.

Tutti conosciamo le gioie dell’innamoramento e della luna di miele
che ne segue. Ma questa è solo la prima fase, all’interno
della coppia. Dopo breve tempo è possibile notare come la
routine della nostra vita cambi completamente. Non siamo più
soli, a volte c’è qualcun altro con cui pranzare o guardare
la tv o dormire.
Nella vita della coppia questa è una fase molto “colorata” e
sensuale. Essa da vita ad una forma di intimità che si basa
principalmente sulla prossimità fisica, più che su
un’autentica
conoscenza
uno dell’altro.

Quest’ultima richiede più
tempo
e determina a sua volta un livello diverso di
intimità, che possiamo chiamare emozionale. In esso si
sviluppano emozioni complementari
all’intimità
, come l’affetto, l’empatia, la
generosità, la cura uno per l’altro.
Uno stadio più profondo matura quando l’onestà
diventa il fattore cruciale. In questa fase, i segreti del cuore
possono – e devono – essere rivelati, senza il timore di venir
feriti o giudicati. L’amore passa dall’essere romantico, all’essere
armonico. La comunicazione
effettiva
è fondamentale: la capacità di
mettersi nei panni
dell’altro
, di considerare il suo punto di vista,
l’ascolto, la
sincerità.

L’intimità raggiunge la sua piena espressione nel momento in
cui tutte le barriere cadono: questa libertà di
espressione
crea un senso di sicurezza, capace di
rinforzare interiormente entrambi i partner. Ciò fa crescere
l’amore
, in un movimento creativo che può a
volte arrivare a espandersi ben oltre la singola coppia.

Articoli correlati
La vita vissuta in armonia

“Ognuno deve vivere ogni suo momento con l’intensità con cui lo vivrebbe se fosse il primo attimo del nascere o l’ultimo istante del morire”.

Quale posizione adottare quando si medita

Gli insegnamento del Ven. U-Vivekananda relativi alla posizione corretta da assumere durante la meditazione Vipassana, con indicazioni preziose e utili anche per altre tecniche meditative in posizione seduta.

Elogio dell’agire

Marco Aurelio ed Epitteto c’insegnano che “la vita buona” non consiste nel vuoto parlare, bensì nell’agire.