La volpe artica torna in Finlandia, non si vedeva da 20 anni

Dopo venti anni di assenza le fototrappole del Wwf hanno ripreso due volpi artiche che lasciano intravedere un futuro per la specie in Scandinavia.

Era il 1996 quando in Finlandia si scorse per l’ultima volta il muso affusolato e irresistibile di una volpe artica (Alopex lagopus). Esattamente dopo venti anni questo piccolo mammifero nordico è tornato, la scorsa estate le fototrappole del Wwf finlandese hanno infatti ripreso due esemplari di volpe artica.

Volpi artiche che giocano nella neve
La coppia di volpi artiche riprese in Finlandia grazie alle fototrappole installate dal Wwf © WWF / Metsähallitus

Il declino della volpe artica in Scandinavia

Questa specie, adattatasi alle freddissime temperature dell’Artico e dotata di un sorprendente mimetismo, vive nella regione circumpolare dell’emisfero settentrionale. Attualmente è ancora molto diffusa in Russia, Canada e Alaska, mentre sta gradualmente scomparendo da Groenlandia, Islanda e Scandinavia.

Cambiamenti climatici e scarsità di prede

Le cause del declino sono da ricercarsi, secondo uno studio condotto dalla Iucn (Unione internazionale per la conservazione della natura), nell’aumento delle temperature globali. La regione artica sta risentendo più di altre aree dei cambiamenti climatici, gli inverni stanno diventando più miti, con conseguenze a catena sulla biodiversità che vi abita. L’innalzamento delle temperature provocherà una lenta sostituzione della tundra da parte della foresta boreale, ambiente inadatto alle volpi artiche che si troveranno private del loro habitat. Gli inverni più miti stanno inoltre causando un declino delle popolazioni di lemming e arvicole, le prede principali delle volpi artiche.

Due cuccioli di volpe artica in Svezia
Il manto bianco della volpe artica, sviluppato per mimetizzarsi tra la neve e i ghiacci, diventa marrone-grigio durante l’estate (Photo by: Arterra/UIG via Getty Images)

La concorrenza delle volpi rosse

Un’altra causa del crollo delle popolazioni di volpe artica, sempre legata al clima, è la crescente concorrenza con le volpi rosse, più grandi, più adattabili e aggressive delle cugine artiche. Sono stati documentati numerosi casi di predazione da parte di volpi rosse verso cuccioli o adulti di volpi artiche.

Volpi artiche fotografate in Finlandia
“Le volpi artiche hanno l’abitudine di costruire le tane dove abitavano i loro antenati, rimangono identificabili anche dopo decenni di inattività”, ha spiegato Petteri Tolvanen del Wwf Finlandia © WWF / Metsähallitus

Una nuova coppia di volpi in Finlandia

Le fototrappole del Wwf, installate davanti ad una tana, hanno registrato centinaia di immagini della vita quotidiana di una coppia di volpi. “Due esemplari, uno bianco e uno dal manto scuro, sono stati visti giocare insieme – ha raccontato Petteri Tolvanen del Wwf finlandese. – Considerato l’approssimarsi della stagione riproduttiva credevamo fossero in procinto di accoppiarsi”. Purtroppo non sono nati cuccioli ma questa nuova coppia che si aggira là dove un tempo cacciavano in abbondanza le volpi artiche e che occupa le vecchie tane dei loro antenati dà fiducia per il futuro della specie.

Articoli correlati