Il mese di maggio del 2020 è stato il più caldo di sempre

Il servizio europeo Copernicus ha spiegato che il mese di maggio ha superato di 0,63 gradi centigradi la media del periodo 1981-2010.

Nel corso del maggio appena trascorso, a livello mondiale la temperatura è risultata più elevata di 0,63 gradi centigradi rispetto alla media del periodo 1981-2010. Il che lo ha reso il mese più caldo in assoluto da quando vengono monitorati i dati. A spiegarlo è il servizio europeo Copernicus, che ha confermato il fatto che – in particolare in alcune aree della Terra – le temperature hanno registrato anomalie estreme.

In Siberia temperature di 10 gradi superiori alla media

È il caso della Siberia, regione tra le più fredde del Pianeta, nella quale di recente sono state rilevate temperature di 10 gradi superiori alla media. Tanto da aver provocato, nella porzione nord-occidentale del territorio, la più precoce rottura stagionale dei ghiacci sui fiumi Ob e Enisej, secondo quanto indicato dallo stesso servizio Copernicus.

Più in generale, l’intera primavera è risultata particolarmente mite su gran parte della regione artica, in particolare nell’Alaska occidentale. Ma anche l’Antartide ha registrato dati decisamente preoccupanti.

caldo record maggio copernicus
Il mese di maggio del 2020 ha fatto registrate temperature record © Sean Gallup/Getty Images

Gli ultimi dodici mesi i più caldi mai registrati dal servizio Copernicus

A livello mondiale, poi, il servizio di monitoraggio climatico dell’Unione europea indica che gli ultimi dodici mesi – da giugno del 2019 allo scorso maggio – sono stati i più caldi mai registrati. La temperatura è stata infatti di 0,7 gradi centigradi superiore alla media del periodo, il che eguaglia il record stabilito tra ottobre 2015 e settembre 2016.

Tenendo anche conto del fatto che la temperatura media globale ha già superato di un grado centigrado i livelli pre-industriali, risulta del tutto evidente la necessità di agire per limitare le emissioni gas ad effetto serra, principali responsabili del riscaldamento globale. Sfruttando in particolare la necessità di rilanciare l’economia mondiale dopo la pandemia di coronavirus. Scegliendo però la via della sostenibilità ambientale e climatica.

Articoli correlati