Patti Smith, tra la Callas e gli Stones

Chicago, primi anni 60. “Da grande avrei voluto essere Maria Callas …”, sognava la piccola Patti. Innamorata di Verdi e Puccini vedeva nel grande soprano un modello da imitare. “Mi colpivano la sua fragilità e la sua potenza … Quando ascoltavo la sua voce piangevo: volevo cantare come lei ma ero troppo magra …”.  

Chicago, primi anni 60. “Da grande avrei voluto essere Maria Callas …”, sognava la piccola Patti. Innamorata di Verdi e Puccini vedeva nel grande soprano un modello da imitare.
“Mi colpivano la sua fragilità e la sua potenza …
Quando ascoltavo la sua voce piangevo: volevo cantare come lei ma ero troppo magra …”.

 

http://www.youtube.com/watch?v=gcbuG2w0Kzo&feature=kp

 

Patti è una bimba malaticcia: passa gran parte dell’infanzia a letto a leggere.
Il suo amore per la poesia nasce in quegli anni.
Poi, un giorno, un ragazzino le fa ascoltare una canzone di Little Richard.
“Sono rimasta a bocca aperta …”, ricorda, “il rock mi è entrato in testa e mi ha dato voglia di vivere”.
Qualche anno dopo, quando Patti frequenta il College convinta di diventare un’insegnante di educazioen artistica sente il padre bestemmiare davanti alla tv: allo show di Ed Sullivan c’è un gruppo rock inglese che lo manda fuori dai gangheri.

 

Patti si avvicina allo schermo e … rimane folgorata.
“Quella band era implacabile come la morte”, racconta.
“Il chitarrista, un certo Keith, aveva i brufoli, il biondo inginocchiato gli occhi cerchiati, uno i capelli unti, il batterista se ne sbatteva e il cantante (Mick) esibiva il suo secondo strato di pelle: sembrava un ragazzino. Era proprio un bel manzo … Gli ho trapassato i calzoni con uno sguardo a raggi X. Erano cinque ragazzi bianchi sexy come dei neri. In sei minuti quelle 5 immagini di lussuria hanno provocato la prima perdita orgasmica nelle mie mutandine di vergine …”

 

Ma ancora oggi, quella che nel frattempo è diventata la Sacerdotessa del Punk, non ha dimenticato il suo idolo giovanile: quando viene a Milano pretende di alloggiare nel lussuoso hotel di via Manzoni in cui Maria Callas nei primi anni 50 aveva una camera a lei riservata.

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Rock Files Today – 31 Maggio – Patti Smith

Oggi, 31 Maggio 1977 New York La sacerdotessa del rock Patti Smith torna a casa. Al numero 315 della Bowery, una delle vie più malfamate della Grande Mela, le porte del CBGB’s, il locale più puzzolente e scalcinato della città ma anche quello dove tutti vogliono esserci perché è da lì che da qualche tempo

Rock Files Today – 10 Febbraio – Patti Smith

Oggi, 10 Febbraio 1971 New York City Nella chiesa sconsacrata di St. Mark, in piena Manhattan, fa il suo esordio la nuova stella della poesia rock della Grande Mela. In realtà, lei è nata a Chicago ma se lo sono già dimenticato tutti. Sì, perché Patricia Lee Smith, ancor prima di diventare Patti Smith, è