Puledro. L’indipendenza dalla madre

Almerin racconta di quando il puledro, a un certo punto della sua vita, incominciando a staccarsi dalla madre diventi adulto. Ma non sempre gli uomini sono attenti al rispetto del corso naturale degli eventi.

Il puledro dal quarto mese di vita entra in un periodo di
transizione che gradualmente lo porta a una indipendenza sempre
maggiore sia dalla madre che dagli altri cavalli del branco. In lui
si vanno sempre più rinforzando ed evidenziando tutte le
caratteristiche comportamentali del cavallo adulto. Tra queste, in
particolare, diventano sempre più importanti le interazioni
sociali con gli altri cavalli e lo spazio sociale costituito dalla
distanza minima che un cavallo mantiene tra sé e gli
altri.

L’allontanamento dalla madre viene determinato dallo svezzamento
che, in natura, avviene quando nasce un altro puledro, quindi
intorno a un anno o due di età. Ma, purtroppo, non sempre
questo tempo viene rispettato…
I puledri che non hanno la fortuna di nascere allo stato brado o in
allevamenti dove viene rispettato l’iter naturale, subiscono uno
svezzamento decisamente più forzato. In questo caso è
l’uomo che, solitamente intorno ai sei mesi di vita, interviene
traumaticamente allontanando la madre. La reazione del puledro e
della sua mamma non è per niente piacevole: i due si cercano
ripetutamente con forti richiami vocali e spesso il puledro diventa
iperattivo e irrequieto.
Ci sono alcuni casi più fortunati nei quali la separazione
è parziale. Per esempio madre e figlio vengono messi in
paddock attigui, dando loro la possibilità di mantenere una
sorta di contatto che, pur essendo parziale, mantiene in entrambi
la gioia di poter avere ancora ben consolidato il sentimento
scaturito dopo i tanti mesi di contatto fisico della gravidanza e
dei momenti immediatamente successivi alla nascita. In questo caso
le reazioni di iperattività e i richiami vocali tra madre e
figlio sono decisamente più attenuati, ma l’ideale sarebbe
sempre rispettare i tempi di madre natura che, come sempre, sceglie
la via migliore per avere il migliore risultato nello sviluppo di
tutti gli esseri viventi!

Ornella Lessio

 

Articoli correlati
Le citazioni più belle per sempre #3

Le citazioni che LifeGate quotidianamente pubblica sulla sua pagina Facebook sono scelte da libri (veri), antologie, racconti, romanzi e dialoghi di film.

Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.