Pura bellezza nell’arte di Modigliani

In mostra a Roma, Complesso del Vittoriano fino al 20 giugno, un centinaio di opere dell?artista toscano, boh

Nell?immaginario collettivo l?arte di Modigliani è spesso
associata a ritratti di donne altere ed eteree, dal lungo collo e
dagli occhi assenti. Eppure, come testimoniano le opere in mostra a
Roma, il genio toscano non ha riprodotto sulla tela solo splendide
creature femminili, ma tutto il mondo intellettuale della Parigi
degli inizi del Novecento: un universo già ?raccontato? da
Toulouse Lautrec e Utrillo e fatto di poeti, entreneuse, artisti,
mercanti d?arte, dandy… Un milieu culturale in cui arte e vita si
mescolano impressionando e conquistando questo fragile pittore
italiano, proveniente da una abbiente famiglia di provincia.

Proprio l?ambiente parigino risulta essere uno dei tratti
più significativi della mostra in corso a Roma, in cui
è esposta molta della produzione di questo primo periodo:
dalle influenze di artisti come Cezanne a Brancusi,
dall?espressionismo tedesco all?arte africana riletta attraverso la
lezione di Picasso. Di particolare attrattiva è la serie
delle ?Cariatidi?: disegni, dipinti e sculture ispirati alle figure
mitologiche greche che nelle forme si rifanno ora all?arte
classica, ora a quella dell?Estremo Oriente, come pure alle
maschere totemiche dell?Africa nera o alle linee stilizzate dello
scultore rumeno Brancusi.

Minato da forti problemi respiratori, Modigliani fu però
costretto, a causa delle polveri che si sollevavano durante la
lavorazione della pietra, ad abbandonare la pratica della scultura
e a dedicarsi esclusivamente alla pittura: proprio nel lustro
1915-1920 realizzò la maggior parte dei suoi famosi
ritratti, individuando quella cifra stilistica che ancora oggi lo
rende riconoscibile a tutti.

Possiamo ritrovare in questi dipinti…

Possiamo ritrovare in questi dipinti i suoi grandi amori (la
poetessa Beatrice Hastings e la giovane compagna degli ultimi anni
di vita, Jeanne Hébuterne), gli amici-sostenitori (i
fratelli Jean e Paul Alexander, Leopold Zborowski), ma anche
splendidi nudi di modelle anonime, immortalate come antiche
divinità mediterranee, morbide nelle forme e nello sguardo,
umanissime e insieme ieratiche.

Dopo la sua morte per consunzione nel 1920, la vita di Modigliani
è stata poi tramandata come una leggenda, per gli eccessi di
alcool e droghe e il tragico suicidio della compagna (si
buttò da una finestra il giorno dopo la sua scomparsa,
incinta di otto mesi), rafforzandone l?immagine di artista maudit,
perfetto connubio di genio e sregolatezza: questa icona, tuttavia,
non deve sovrapporsi alla straordinaria forza espressiva, certo
frutto del suo tormento esistenziale, ma anche alla purezza
compositiva che scaturisce dalle sue opere.

Complesso del Vittoriano (Via S. Pietro in Carcere) a Roma, fino
al 20 giugno.
Aperta tutti i giorni, dalle 9,30 fino alle 19,30 dal lunedì
al giovedì, fino alle 23,30 il venerdì e il sabato,
fino alle 20,30 la domenica.
Informazioni: 06-6780664, [email protected].


Olimpia Ellero

Articoli correlati
Le citazioni più belle per sempre #3

Le citazioni che LifeGate quotidianamente pubblica sulla sua pagina Facebook sono scelte da libri (veri), antologie, racconti, romanzi e dialoghi di film.

Lo scienziato felice

Per trovare il nostro pensiero non dobbiamo seguire i condizionamenti sociali, ma rimetterli in discussione. Ci sono due tipi di arte: quella che genera piacere e quella che genera felicità.

Balene. Scacco al capitano Achab!

Nonostante la moratoria internazionale alla caccia alle balene, ogni anno migliaia di cetacei muoiono, uccisi dalle baleniere, come accade nel celebre romanzo di Melville. Ma qualcosa sta per cambiare.

Equitazione e bambini

Uno sport utilissimo per la crescita psico-motoria del bambino. Il rapporto con il pony sviluppa anche il senso della responsabilità e dell’amicizia con l’animale.