Rock Files intervista la prima cameriera di Hard Rock Cafè

Abbiamo coinvolto un’arzilla vecchietta irlandese, Rita Gilligan, che da qualche anno è custode spirituale e ambasciatrice ufficiale di Hard Rock Cafè. “Lovely Rita”, come molti (confidenzialmente) la chiamano è stata la prima persona assunta nel 1971 e, di fatto, la prima cameriera del primo Hard Rock Cafè, quello di Londra, nei pressi di Hyde Park.

Abbiamo coinvolto un’arzilla vecchietta irlandese, Rita Gilligan,
che da qualche anno è custode spirituale e ambasciatrice
ufficiale di Hard Rock Cafè.

“Lovely Rita”, come molti (confidenzialmente) la chiamano è
stata la prima persona assunta nel 1971 e, di fatto, la prima
cameriera del primo Hard Rock Cafè, quello di Londra, nei pressi di
Hyde Park.

Oggi, quando inaugurano un nuovo Hard Rock Cafè o Hard Rock
Hotel nel mondo, lei è in prima fila, a “benedire” la
cerimonia di iniziazione. Rita, puntuale, si presenta con la sua
uniforme da lavoro: grembiule bianco (pieno zeppo di spillette
marchiate Hard Rock Cafè), cuffietta d’ordinanza e sorriso
bonario.

Nell’estate del 1971, Rita Gilligan (che è collegata con
noi telefonicamente da Londra) accetta l’offerta di lavoro che le
cambia la vita.

Ascolta

Rita-Gilligan_HRC_0059_BAJA

Siamo anche su WhatsApp. Segui il canale ufficiale LifeGate per restare aggiornata, aggiornato sulle ultime notizie e sulle nostre attività.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Rock Files: Massimo Priviero

Uno che, per sua stessa ammissione, ha sempre avuto come obiettivo quello di trovare il modo di unire ROCK e POESIA, Massimo Priviero. ROCK e POESIA è proprio il tema di questa puntata: ne parleremo con lo stesso PRIVIERO che ci darà alcune anticipazioni del suo concerto di sabato prossimo, 20 novembre, all’AUDITORIUM di Milano

Paolo Saporiti per Rock Files

Paolo Saporiti: cinque anni di teatro alla Comuna Baires, una lunga serie di stages di ricerca e al lavoro su di sé nel nome di una tanto rincorsa quanto insperata crescita artistica. I primi paragoni portano verso un moderno  dai ritornelli meno “aperti”, insomma un cd di un cantautore italiano che scrive in inglese e

Rock Files: Joe Henry

Rock Files: Joe Henry Il suo ultimo album, Blood From Stars, è un concept seducente in cui blues, jazz, rock e songwriting si fondono in modo intrigante. 49 anni, nativo di Charlotte, North Carolina, dopo aver trascorso la fanciullezza a Detroit e vissuto diverso tempo a New York City, Joseph Lee Henry si è trasferito,

Gate 22: Ieri in onda Rock Files

Gate 22: Ieri in onda Rock Files La storia di questo disco, la storia di Roy sembrano un perfetto e casuale incrocio di luoghi e persone. Nato sulle colline jamaicane, in una baracca senza acqua e senza corrente elettrica, all’eta’ di 13 anni si trasferi’ in Inghilterra, dove conobbe il sound di artisti quali Ottis