Rock Files Today – 18 Settembre – Jimi Hendrix

Oggi, 18 Settembre 1970 – Londra.Sono le 11 e 45 circa, quando il corpo di James Marshall Hendrix giunge esanime al pronto soccorso dell’ospedale St. Mary Abbot’s di Kensington.


Oggi, 18 Settembre 1970
Londra.
Sono le 11 e 45 circa, quando il corpo di James Marshall Hendrix
giunge esanime al pronto soccorso dell’ospedale St. Mary Abbot’s di
Kensington.

Lì, dopo essere stato identificato dal road manager
inglese Gerry Stickells, viene analizzato dal Dottor Seifert,
medico legale, che ne dichiara ufficialmente la morte.
Sono le 12 e 45.

L’analisi successiva, condotta dal coroner di West London,
Dottor Gavin Thurston, conferma il primo referto: a soli 27 anni,
Jimi Hendrix, il più formidabile chitarrista rock della
storia, muore per soffocamento dopo aver ingurgitato il proprio
vomito.
Il tutto causato da un’intossicazione da barbiturici.

Hendrix si era addormentato qualche ora prima al Samarkand
Hotel, di Notting Hill, nell’appartamento di Monika Danneman,
ex-campionessa tedesca di pattinaggio e sua fidanzata di quei
giorni.

Monica dichiara che Hendrix ha preso dei tranquillanti per
dormire. E che il medicinale ingerito (il Vesparax) era molto
forte: in genere la posologia era mezza pasticca, ma pare che Jimi
se ne sia ingoiate nove. La miscela di alcol, amfetamine e
barbiturici ha infine prodotto lo stato comatoso dal quale non
s’è più risvegliato.

Secondo Monika, lei e Jimi hanno chiacchierato amabilmente sino
alle 7 del mattino prima di addormentarsi in due letti diversi.
Verso le 10 e 30 lei lo trova svenuto in una pozza di vomito. Non
sa che fare. Presa dal panico, telefona a Eric Burdon (celebre
cantante degli Animals e grande amico di Hendrix) che le intima di
chiamare un’ambulanza.

Qualcuno sostiene che gli infermieri accorsi sul posto, vedendo
un nero (probabilmente drogato) in stato comatoso, non abbiano
fatto tutto quello che avrebbero potuto e dovuto. Anche Monika
è convinta di non aver fatto tutto quello che avrebbe dovuto
e potuto.

Distrutta dai sensi di colpa e travolta dalla pesante
eredità spirituale, Monika Dannemann vive sino al 1996
dipingendo quadri con soggetto Hendrix nel ritiro della campagna
inglese di Seaford. Proprio lì, il 5 aprile di quello stesso
anno, si suicida con il gas di scarico della sua auto.
Nella sua tomba finiscono anche gli ultimi misteri relativi alla
morte del “figlio del voodoo”.

Articoli correlati
Rock Files Live! Quintorigo

Ospiti della puntata i Quintorigo e la loro nuova avventura musicale, tutta incentrata sulle canzoni di Jimi Hendrix.

Rock Files: ascolta Jimi Hendrix

40 anni dopo LifeGate Radio ha dedicato un’intera giornata al talento artistico e alla intramontabile musica di Jimi Hendrix, il “mancino di Seattle”.

Rock Files Today – 03 Maggio –  Jimi Hendrix

Oggi, 3 Maggio 1969 Toronto, Canada Aeroporto Internazional. Alle nove e mezza di mattina atterra un volo proveniente da Detroit, Michigan; tra i suoi passeggeri, il chitarrista afroamericano Jimi Hendrix.

Rock Files Today – 05 Aprile – Monika Dannemann

Oggi, 5 Aprile 1996 – Seaford, East Sussex Dal piccolo garage di un cottage della campagna inglese esce del fumo. All’interno, una vecchia Mercedes Benz ha il motore acceso. Vi giace il corpo senza vita di una signora cinquantenne, Monika Dannemann.

Rock Files Today – 31 Marzo – Jimi Hendrix

Oggi, 31 Marzo 1967 – LondraIl Finsbury Park Astoria ospita stasera la tappa londinese di un package tour che vede, nello stesso spettacolo, uno dopo l’altro i cantautori Cat Stevens e Engelbert Humperdink, la pop band dei Walker Brothers e The Jimi Hendrix Experience.

Rock Files Today – 31 Dicembre – Jimi Hendrix

Oggi, 31 Dicembre 1969 – Fillmore East, New York Sul palco del club gemello del più celebre Fillmore di San Francisco, il padrone del rock Bill Graham annuncia la grande sorpresa per la notte di San Silvestro: alla chitarra … Jimi Hendrix.