Rock Files Today – 26 Ottobre – Ozzy Osbourne

Oggi, 26 Ottobre 1984 – Indio, CaliforniaJohn McCollum, 19 anni, viene trovato senza vita nel suo letto.La causa della morte è certa: si tratta di suicidio. Alla ricerca di una ragione in grado di spiegare il gesto, i genitori incolpano l’ex cantante dei Black Sabbath, Ozzy Osbourne…


Oggi, 26 Ottobre 1984
Indio, California
John McCollum, 19 anni, viene trovato senza vita nel suo letto.
La causa della morte è certa: si tratta di suicidio.
Il ragazzo si è sparato in testa con una pistola calibro
22.
Alla ricerca di una ragione in grado di spiegare il gesto, i
genitori incolpano l’ex cantante dei Black Sabbath, Ozzy Osbourne.
Prima di compiere il gesto fatale, infatti, il figlio aveva
ascoltato ripetutamente la musica di Ozzy e in particolare una
canzone intitolata Suicide Solution contenuta nell’album del 1980
Blizzard Of Ozz.
Il rocker l’ha scritta col chitarrista Randy Rhodes e col bassista
Bob Daisley in memoria del cantante degli AC/DC Bon Scott, morto
per avvelenamento d’alcol, un atto autodistruttivo assimilabile al
suicidio. I genitori sono convinti che il brano può avere
avuto effetti nefasti su una mente particolarmente impressionabile
e su un carattere instabile come quello del figlio.
A riprova della loro tesi, citano i versi di una strofa: “Prendi la
pistola e prova: spara, spara, spara”. Osbourne, del resto,
è accompagnato da una fama sinistra che gli è valsa
il nomignolo di “principe delle tenebre”
I coniugi McCollum finiscono per far causa al cantante inglese e
alla sua casa discografica, la CBS, presso la corte civile della
California: il rock finisce alla sbarra, accusato di annebbiare le
menti dei ragazzi.
Nel gennaio dell’86 il cantante si presenta davanti a un giudice
per difendersi dalle accuse. Due anni dopo un tribunale della
California stabilisce definitivamente che la canzone non contiene
alcun invito a tentare il suicidio.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Articoli correlati
Rock Files Live! Black lives matter

La puntata di Mercoledì 29 luglio dei Rock Files Live! di LifeGate Radio è Black lives matter, interamente dedicata alla musica nera.

Come nasce un mito del prog

Passano pochi mesi e a Jon Anderson viene chiesto di entrare ufficialmente nella band che con la nuova formazione cambia anche il nome: i Mabel Greer’s Toyshop diventano gli Yes.

Il paracadute dei Coldplay

Chris come cantante, che si occupa occasionalmente anche del pianoforte, Jon al basso, Guy alla chitarra e Will alla batteria, nascono nel ’98 i Coldplay.

Cass & Moonie

A metà anni 60, Mama Cass accetta l’invito di John Phillips e dà vita alla vocal band più suggestiva della West Coast: The Mamas & The Papas,

Un esordio da Incubus

Dopo vari cambi di nome, hanno scelto di chiamarsi Incubus. Non hanno ancora la patente e cercano ingaggi in posti il più possibile vicino a casa.