Sognando la California

Il Greenwich Village è il cuore del folk revival: il luogo in cui si sono affermati i musicisti più ambiti di quella scena artistica, da Joan Baez a Dylan

New York, autunno del 1963. Il Greenwich Village, quartiere bohemienne della Grande Mela, è il cuore del folk revival: il luogo in cui si sono affermati i musicisti più ambiti di quella scena artistica, da Joan Baez a Bob Dylan.
Centinaia di aspiranti folk singer giungono qui da tutta l’America, ma anche dal Canada e dall’Inghilterra, per cercare di realizzare i loro sogni.

 

John Phillips, leader del gruppo folk Journeymen, qualche sogno lo ha già realizzato: ha una band di successo e in California ha incontrato l’amore.

 

 

Lei si chiama Michelle Gilliam, ha 16 anni (9 meno di John), è di una bellezza mozzafiato ma ha pure una notevole faccia tosta: pochi mesi prima, ha bussato alla porta di casa Phillips, a Mill Valley. Le ha aperto l’allora moglie di John, Susan Adams. “Salve, mi chiamo Michelle e sono innamorata di suo marito”, dice la tipetta senza alcun pudore. “Entra pure, ti offro un’aranciata”, risponde con estremo garbo Susan, spiegando alla giovane che suo marito John di ragazzine come lei ne ha una in ogni città d’America.
Probabilmente però, Susan fa male i suoi conti.

 

Infatti, Michelle e John, di lì a poco si sposano e si trasferiscono a New York.
I Phillips hanno una stanza fissa all’Hotel Earle del Greenwich Village, tra Waverly Place e McDougal Street: quell’alberghetto da quattro soldi è famoso perché la 305 è, da sempre, la stanza preferita di Bob Dylan.
E, a proposito di sogni, una notte John si sveglia di colpo: ha una melodia in testa e una frase che ha sognato … All the leaves are brown, and the sky is grey, I’ve been for a walk, on a winter’s day Sveglia Michelle: vuole che lo aiuti a terminare quella canzone.Ma lei non ne ha la minima intenzione …

 

“Ho sonno John, facciamo domani?”“No”, dice lui, “facciamo subito: un giorno, mi ringrazierai …” Così lei, ricordandosi di una visita alla cattedrale di San Patrizio del giorno prima, scrive: Stopped into a church I passed along the way, well I got down on my knees and I began to pray …A John, che ha un pessimo rapporto con chiese e religioni, quella strofa non piace. Ma non trova nulla di meglio. Buon per lui: quel passaggio dà al brano un tocco di disperazione mistica quasi rivelatoria …Nasce così la canzone che diventa l’inno di una generazione e l’emblema del sogno americano: la terra promessa, la California, non è più soltanto il Golden State, ormai per tutti è un luogo dell’anima.

Articoli correlati
Rock Files Live! Black lives matter

La puntata di Mercoledì 29 luglio dei Rock Files Live! di LifeGate Radio è Black lives matter, interamente dedicata alla musica nera.

Come nasce un mito del prog

Passano pochi mesi e a Jon Anderson viene chiesto di entrare ufficialmente nella band che con la nuova formazione cambia anche il nome: i Mabel Greer’s Toyshop diventano gli Yes.

Il paracadute dei Coldplay

Chris come cantante, che si occupa occasionalmente anche del pianoforte, Jon al basso, Guy alla chitarra e Will alla batteria, nascono nel ’98 i Coldplay.

Cass & Moonie

A metà anni 60, Mama Cass accetta l’invito di John Phillips e dà vita alla vocal band più suggestiva della West Coast: The Mamas & The Papas,

Un esordio da Incubus

Dopo vari cambi di nome, hanno scelto di chiamarsi Incubus. Non hanno ancora la patente e cercano ingaggi in posti il più possibile vicino a casa.