Tutti i dischi di John Peel online

La collezione di dischi più invidiata d’Europa, quella di John Peel, ora disponibile in streaming online.

John Peel, giornalista e conduttore radiofonico
britannico, aveva mosso i suoi primi passi nel mondo radiofonico
con l’emittente pirata Radio London. Quando, nell’agosto 1967,
l’emittente chiude, John viene assunto da Radio1 della Bbc, per cui
lavora fino alla sua morte, avvenuta il 25 ottobre del 2004. Voce
storica dell’emittente, il suo programma, le “John Peel Sessions” in cui ospitava
una band per un’esibizione esclusiva di quattro canzoni del loro
repertorio, diventa presto uno dei programma di punta della
radio.

Come ogni Dj che si rispetti, John Peel negli anni ha messo da
parte una sterminata collezione di dischi, tanto da essere
invidiata da qualsiasi amante di musica pop/rock contemporanea:
25.000 LP, migliaia di CD e circa 40.000 singoli. Ora quella
collezione potrà essere consultata, almeno virtualmente, da
tutti. La Bbc ha, infatti, deciso di promuovere
una grandissima operazione di digitalizzazione della collezione, in
collaborazione con l’Arts Council inglese, ente
statale britannico che promuove le arti visive, letterarie e di
performing, che ha stanziato per il progetto 3 milioni e mezzo di
sterline.

I primi cento titoli, a cominciare da artisti e band il cui nome
inizia con la A (la lista inizia con Mike Absalom), è messa
online a partire proprio dal Giorno dei Lavoratori, e, a tranche di
cento “vinili” alla settimana, la digitalizzazione si
concluderà il prossimo ottobre.

Secondo Tom Barker, il direttore del John Peel Centre, la collezione
virtuale funzionerà come “un museo interattivo online”: le
copertine degli album sono scannerizzate, per alcuni sarà
disponibile lo streaming, altri rimanderanno a live tratti dalle
“Peel Sessions”, altri ancora saranno corredati da note e appunti
scritti proprio da John Peel. Lo stesso Baker ha dichiarato:
“questo è il primo passo per rendere pubblico e fruibile uno
dei più importanti archivi musicali di musica moderna”. La
vedova di John, Sheila Ravenscroft, ha dichiarato alla stampa di
essere felice che si sia riuscito a rendere disponibile la
vastissima discoteca del marito: “E’ quello che lui ha sempre
voluto”.

Il luogo virtuale dove poter godere di queste perle musicali
è il sito The Space: la ricostruzione
digitale del vero e proprio studio personale di Peel, da cui inizia
il viaggio nella musica moderna che ha fatto già storia.

Articoli correlati
Lucio Battisti arriva sulle piattaforme di streaming online

Dopo una battaglia legale (in realtà ancora in corso) sui diritti musicali del catalogo della casa editrice musicale Acqua Azzurra, il liquidatore nominato dal Tribunale di Milano ha annunciato “l’estensione del mandato anche all’incasso dei diritti sul web” di dodici dischi a firma Lucio Battisti-Mogol.

Satellite in regalo dai The Kills

I The Kills mettono a disposizione in download gratuito una nuova versione di “Satellite”, primo singolo estratto dal loro ultimo disco “Blood Pressure”.