A chi si rivolge la Kinesiologia

I vantaggi che operatori di differenti discipline terapeutiche possono trarre dalla conoscenza della Kinesiologia e dall’utilizzo corretto del Test

Una delle caratteristiche più rilevanti della Kinesiologia,
da un punto di vista operativo, è il suo grande
eclettismo.

All’interno dell’ampio panorama di tecniche riequilibrative a
disposizione dell’operatore compaiono infatti, oltre ai frutti
delle ricerche originali in quarant’anni di sviluppo della
disciplina, anche contributi che spaziano dalle ultime Ricerche
Neurologiche alle Tecniche Millenarie della Tradizione Tibetana,
dalle più recenti applicazioni in ambito Biochimico e
Nutrizionale alle Sottili Essenze Energetiche di tradizione
ancestrale.

Tale apertura della Kinesiologia a contributi esterni di altre
discipline è fondamentale per poter mantenere un punto di
vista equilibrato su tutti i differenti aspetti che costituiscono
la persona, e non tralasciare quindi nella valutazione del disagio
proprio quella componente che magari costituisce la sua causa
reale.

Il Test Muscolare Kinesiologico può costituire già da
solo uno strumento inestimabile nelle mani di qualsiasi terapeuta,
indipendentemente dalla sua disciplina di elezione.

Chi non desidera infatti poter rilevare con facilità e
rapidità aspetti del disagio che risultano ignoti alla
persona stessa, comunicando con la sua parte più profonda e
saggia e appoggiandosi alla sua guida nella scelta del rimedio
più appropriato? Questi sono i doni che il Test Muscolare
Kinesiologico offre ai suoi utilizzatori competenti.

È importante infatti utilizzare tale strumento preciso e
sensibile in maniera corretta, ad evitare malintesi che possono
occorrere come quando una lingua straniera non risulti ancora
appresa. Acquisirne le basi per un corretto utilizzo ripaga
comunque ampiamente lo sforzo dell’operatore, grazie alla
successiva rapidità e sicurezza con cui risulta possibile
effettuare le proprie valutazioni terapeutiche, indipendentemente
dalla disciplina.

L’efficacia dell’utilizzo corretto del Test Muscolare Kinesiologico
è infatti comprovata da milioni di operatori che lo
impiegano ormai da quarant’anni in tutte le principali nazioni.
Esso può risultare di grande aiuto nel valutare
l’appropriatezza di una manovra, nell’individuare il rimedio
più appropriato (ad esempio fitoterapico) tra i vari
possibili, nell’evidenziare le risposte specifiche ed individuali
che la persona presenta a particolari fattori. Tutto questo in
maniera sicura, immediata, precisa e priva di qualsiasi
controindicazione.


Diego Vellam

Articoli correlati