Stefania Penzo

Contributor

Nata nel 1985 sotto il segno dei Gemelli. Ho sempre la valigia pronta, destinazione Chioggia-Milano-Verbania rigorosamente in treno, che inquina meno. Scrivo di salute e benessere su LifeGate, dal 2015 coordino il mondo digital di Living Corriere della Sera. Leggo un libro alla volta, passo troppo tempo online, il tappetino per lo yoga è la mia casa.

CITAZIONE PREFERITA: “Ciascuno regalò all’altro qualcosa di sconosciuto”. (Amélie Nothomb)

Il suo ultimo articolo
Metodo Freinet: collaborando si impara, in una scuola senza cattedra

Metodo Freinet: collaborando si impara, in una scuola senza cattedra

Tutti abbiamo sentito parlare almeno una volta di Rudolf Steiner e di Maria Montessori, in pochi conoscono Célestin Freinet. Eppure nelle scuole italiane ci sarebbe ancora bisogno di una rivoluzione gentile come la sua. Educatore appassionato, punta di diamante delle “scuole nuove” di inizio Novecento e della pedagogia popolare, oggi viene ricordato soprattutto per due

Tutti i suoi articoli
Ludopatia, quando scommettere crea dipendenza

Ludopatia, quando scommettere crea dipendenza

Il caso dei giocatori famosi scoperti a scommettere ha messo in luce un aspetto poco approfondito nel dibattito pubblico sulla ludopatia: cosa causa la dipendenza dal gioco d’azzardo? Non il bisogno di denaro, visti i compensi astronomici degli sportivi in questione. Più che puntare il dito sulle conseguenze, medici, ricercatori, educatori, sono convinti che sia

Anche in Italia i bambini vanno a scuola di empatia

Anche in Italia i bambini vanno a scuola di empatia

La maggior parte delle persone è convinta che l’empatia – la capacità di mettersi nei panni degli altri – sia innata, ma non è così. L’empatia può essere insegnata. Si parla di apprendimento socio-emotivo e, dai primi Duemila, la sua popolarità è cresciuta nelle scuole di tutto il mondo – Danimarca e Stati Uniti tra i

Medicina integrata: l’Oms invita a unire conoscenze antiche e innovazioni scientifiche

Medicina integrata: l’Oms invita a unire conoscenze antiche e innovazioni scientifiche

“Troppo spesso la medicina tradizionale è stigmatizzata e liquidata come non scientifica. Ma per milioni di persone è semplicemente medicina”. Il senso del II° Congresso mondiale di salute e medicina integrata appena conclusosi a Roma è tutto qui, in una frase del Direttore generale dell’Organizzazione mondiale della Sanità, Tedros Ghebreyesusche, pronunciata durante il suo videomessaggio inaugurale.

Insonnia cronica o acuta, un disturbo del sonno che si può e si deve curare

Insonnia cronica o acuta, un disturbo del sonno che si può e si deve curare

L’insonnia è un disturbo del sonno molto diffuso: in Italia ne soffrono circa 13 milioni di persone. Stress, preoccupazioni, predisposizione e abitudini di riposo scorrette contribuiscono all’insorgere dell’insonnia cronica. In prima linea per la cura di questa patologia la comunità scientifica schiera la terapia cognitivo-comportamentale. L’insonnia è molto più di un fastidio notturno. Nei casi

Cuori infranti al museo. Due artisti croati collezionano i cimeli delle relazioni finite

Cuori infranti al museo. Due artisti croati collezionano i cimeli delle relazioni finite

Il Museo delle relazioni interrotte di Zagabria è un museo sociologico dedicato alle storie d’amore finite. È stato fondato dalla produttrice cinematografica Olinka Vištica e dello scultore Dražen Grubišić. Permette alle persone di liberarsi degli oggetti emotivamente ingombranti senza distruggerne il ricordo e partecipando a un progetto collettivo. Un ritratto di noi due fatto da

Terapia Emdr per fare pace col passato. Come funziona la tecnica che spegne la carica emotiva negativa dei traumi

Terapia Emdr per fare pace col passato. Come funziona la tecnica che spegne la carica emotiva negativa dei traumi

La terapia Emdr è un trattamento psicoterapeutico ideato nel 1989 dalla psicologa Francine Shapiro per alleviare lo stress e i sintomi associati ai ricordi traumatici.  Grazie a movimenti oculari guidati si attiva la stimolazione bilaterale del cervello favorendo così la nostra naturale capacità di elaborare le informazioni. Si utilizza specialmente nei casi di disturbo da