Aoshima, l’isola giapponese conquistata dai gatti

Sull’isola di Aoshima, in Giappone, i padroni sono i gatti, non l’uomo. Il reportage fotografico di Thomas Peter per Reuters.

Un popolo di gatti di ogni razza e colore vive, anzi controlla l’isola di Aoshima, lunga un chilometro, nel sud del Giappone, nella prefettura di Ehime. Qui, nel 1945 venne portata una piccola colonia di gatti per contrastare la presenza di topi che metteva a rischio l’integrità delle barche dei pescatori. A quel tempo vivevano 900 persone.

Oggi le proporzioni sono un po’ cambiate e i felini si sono moltiplicati fino a diventare 120, sei per ogni abitante. Pochi pensionati divisi tra chi li nutre e li avvicina e chi li allontana dalla propria abitazione. Per il resto, queste foto realizzate da Thomas Peter non hanno bisogno di ulteriori spiegazioni.

Articoli correlati