Arctic Monkeys – Traffic Torino

Intervista a Andy Nicholse Matt Helders degli Arctic Monkeys…

Incontro con gli Arctic Monkeys al Traffic Torino

Di solito chiediamo se siete soddisfatti del vostro
lavoro..vi chiederò come invece avete recepito i feedback
del vostro pubblico?

Sono stati ottimi i feedback che abbiamo ricevuto dai ragazzi
dopo i primi concerti. Anche prima di questo abbiamo avuto molti
complimenti dai nostri fan. E andata tutto molto ben…sai poi la
critica spesso dice che il secondo album non è mai un
granchè soprattutto rispetto al primo (ironico) quindi..te
ne devi fare una ragione.

Avete mai vuto un sogno ricorrente o un ..incubo
peggiore preferito?

Si io ce l’ho ma non lo ricordo mai.. e tu?

Si io sogno spesso che Buce Willis mena mio padre e io devo
salvarlo

Fluorescent Adolescent – Come siete arrivati alla
stesura di questo testo, che parla di problemi sessuali di donne di
mezz’età..proprio voi che siete cosi giovani?

Perche tutti ne abbiammo….(ridono)…no dai credo che ci sia
venuta tramite osservazione a volte basta guardarsi attorno oppure
immaginare come vanno le cose..non sono necessariamente i fatti ma
funziona spesso cosi.

Forse anche le predizioni di come è per le donne nel
futuro quando invecchiano

In the video there are two gangs fighting one of them is
dressed as clowns we have seen you presenting the video on british
tv wearing the same costumes? Why the clown concept?

Quando abbiamo registrato la canzone ci siamo resi conto che i
giri e i riff di chitarra suonavano come dei “Giocattoli maligni” e
cosi ci siamo detto che cosa è scherzoso ma anche
malefico…abbiamo pensato subito ai clowns in quanto fanno paura a
molta gente. E a quel punto volevamo fare un video molto violento
che avesse i clown…tutto qui.

Avete mai fatto dei concerti vestiti cosi?

Abbiamo fatto uno show televisivo in inghilterra con gli stessi
costumi del video.

Concerti?

No, Concerti no

Anche perche è un casino suonare con quei costumi si suda
un casino e poi le scarpoe giganti non aiutano soprattutto per a
grancassa della batteria

Come è stato lavorare con James Ford di Dimian
Mobile Disco, gia produttore dei Klaxons..cosa ha dato o
enfatizzato nel vostro suono?

Abbiamo lavorato con lui prima, prima dell’uscita del primo
disco. Non funzionò per una questione di tempistiche da quel
momento ci siamo ripromessi che avremmo lavorato di nuovo sia con
James che con Mike Crossey che è l’altro produttore.
Mah Jim sa suonare un sacco di strumenti e ne sa a fondo di musica
di ogni genere, non solo elettronica o roba da dj, quindi in questa
prospettiva ha espanso il suono e il modo di lavorare degli Arctic
Monkeys.

Cosa ne pensate del termine New Rave?

Non saprei lo sentito lanciato in giro..non penso esisti una
scena non ci sono abbastanza band di un certo livello perchè
possa esserci un movimento.

Pensate che possa dar via ad un nuovo genere o scena o
che morirà in fretta come tante altre tendenze
britanniche?

Non so penso che sia gia passato. Ovviamente ci sono i
klaxonsche hanno fatto un bel disco ma non sarà mai come il
brit-pop. Non credo proprio, mancano le bands.

Non penso che esistera per molto.

E vero che Brianstorm è ispirata ad un individuo
che avete conosciuto dopo un concerto in Giappone?

E un uomo che abbiamo conosciuto dopo un concerto ma non
apparteneva all’industria discografica. Recitava questa parte del
personaggio mistewrioso e quando ci siamo guardati avevamo avuto
tutti la stessa idea, quella di scrivere una canzone che lo
riguardava. Questo non appena se ne ando..anche se noi non volevamo
che se ne andasse..pero è sparito!

Whatever people say I am..- ha cambiato le prospettive sul fatto
che internet e il file sharing stesse distruggenedo l’industri
discografica, ed infatti ha provato il contrario.

Come puo la rete aiutare la musica e quali sono i
problemi della discografia?

Internet ha avuto solo il pregio di accellerare le cose. Quando
abbiamo iniziato facevamo un sacco di date e regalavamo i Cd
masterizzati. Poi i ragazzi hanno iniziato ad uploadarli su
internet e li furono accessibili a tutti.
In quel periodo pero c’erano altre band con molti pezzi sul web,
credo che per farcela poi devi avere il modo di provare il
valore,dei brani e di come suonano dal vivo. Noi suonavamo ovunque
mentre questo accadeva. Non puoi stare a casa con i pezzi on line e
aspettare che succeda!
Non so..ha aiutato un sacco di band, ma dipende come lo usi.

Avete iniziato il tour mondiale qual’è stato il
concerto più bello fino ad ora?

Il mio preferito è stata la da di berlino, c’era un bel
tempo un atmosfera straordinaria e la gente era molto attiva e
allegra

Si è vero concordo!

Qual’è il posto del tour dove non vedete l’ora di
suonare?

Per me il brasile, senza ombra di dubbio.Ho sempre voluto andare
in brasile a prescindere. Sono molto curioso!

E vero quello che dicono che in verità non siete
tanto dei festaioli e dopo i concerti preferite stare in albergo a
scrivere pezzi piuttosto che uscire a fare casino?

No Amico…non è vero!

Articoli correlati
Who Made Who

Who Made Who: Thomas Hoffding intervistato da Francesco Napoleone…