Chiedi a Eni di lasciare in pace l’Artico, firma la petizione

Abbiamo lanciato una petizione su Change.org per chiedere a Eni di abbandonare le attività al Circolo polare artico. Firma anche tu!

Pochi giorni fa la norvegese Statoil e altre grandi compagnie petrolifere hanno deciso di abbandonare l’Artico perché troppo rischioso e troppo costoso da trivellare.

 

Firma la petizione su Change.org

Lo scioglimento dei ghiacci causato dal riscaldamento globale sta rendendo accessibili molte rotte artiche finora impraticabili dove sarebbero conservate enormi quantità di gas e petrolio, tra le fonti di energia che causano i cambiamenti climatici. Il crollo del prezzo del petrolio, però, ha rallentato la voglia di molte compagnie di mettersi alla prova in un habitat incontaminato e difficile da esplorare.

 

Un’area, l’Artico, che molte organizzazioni ambientaliste, come Greenpeace, vorrebbero trasformare in un santuario internazionale della biodiversità dove non sia possibile trivellare e pescare in modo distruttivo. Anche il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha proposto di aumentare la protezione dell’Alaska e dei suoi abitanti: caribù, orsi polari, buoi muschiati, lupi grigi. Un luogo dove non sia più possibile costruire strade e condurre trivellazioni petrolifere.

 

Nessuna notizia in tal senso è arrivata dall’Eni, la compagnia petrolifera italiana.

 

Chiedi a Eni di abbandonare tutti i progetti e le licenze di esplorazione e trivellazione acquisite e di sostenere la proposta di trasformare l’Artico in una riserva naturale

Articoli correlati