Coronavirus

Coronavirus, per la prima volta cala il numero di pazienti in terapia intensiva

La Protezione Civile: mai dall’inizio dell’emergenza-coronavirus si era registrato un calo dei pazienti in terapia intensiva. Calano anche i decessi.

“Per la prima volta il numero di pazienti in terapia intensiva diminuisce di 74 unità. Attualmente in tali condizioni ci sono 3.994 malati. È il primo valore negativo dall’inizio dell’emergenza. Anche il numero di morti è in continua e costante diminuzione”. La Protezione Civile ha diramato i dati sull’epidemia di coronavirus in Italia, aggiornati al 4 aprile. Secondo quanto indicato dal capo della struttura, Angelo Borrelli, sono 681 le persone decedute nelle ultime 24 ore, contro le 766 del giorno precedente. Al contempo, sono 1.238 i nuovi guariti, il che porta il totale di chi ha superato la patologia a 20.996. Il totale dei malati è pari a 88.274.  I deceduti sono 15.362, mentre i casi totali, compresi morti e guariti, sono pari a 124.632.

coronavirus italia
Coronvirus, la situazione il 4 aprile secondo i dati della Protezione Civile

Il commissario Arcuri: “Ora non abbassare la guardia sul coronavirus”

I dati relativi ai malati nelle singole regioni sono i seguenti: Lombardia 49.118 (+1598, +3,4 per cento), Emilia-Romagna 16.540 (+608, +3,8 per cento), Veneto 10.824 (+360, +3,4 per cento), Piemonte 11.709 (+813, +7,5 per cento), Marche 4.341 (+111, +2,6 per cento), Liguria 4.203 (+238, +6 per cento), Campania 2.828 (+151, +5,6 per cento), Toscana 5.671 (+172, +3,1 per cento), Sicilia 1.932 (+73, +3,9 per cento), Lazio 3.757 (+157, +4,4 per cento), Friuli-Venezia Giulia 1.986 (+107, +5,7 per cento), Abruzzo 1.628 (+65, +4,2 per cento), Puglia 2.240 (+58, +2,7 per cento), Umbria 1.210 (+31, +2,6 per cento), Bolzano 1.592 (+33, +2,1 per cento), Calabria 741 (+8, +1,1 per cento), Sardegna 874 (+49, +5,9 per cento), Valle d’Aosta 748 (+29, +4 per cento), Trento 2.220 (+111, +5,3 per cento), Molise 206 (+30, +17 per cento), Basilicata 264 (+3, +1,1 per cento).

Il commissario per l’emergenza, Domenico Arcuri, ha ricordato l’importanza di “non abbassare la guardia” e di “mantenere le misure di contenimento”. Ma ha anche sottolineato che “i posti letto in terapia intensiva, che erano 5.579 all’inizio dell’emergenza, ora sono 9.284 e cioè il 79 per cento in più”.

Nel frattempo, il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha approvato una nuova ordinanza, con la quale si introduce l’obbligo di proteggersi utilizzando una mascherina “ogni qualvolta ci si rechi fuori dalla propria abitazione”. E, in mancanza di essa, “qualunque altro indumento a copertura di naso e bocca”.

Articoli correlati