Dance me this: esce l’album numero cento di Frank Zappa

Esce il prossimo giugno Dance me this: l’ultimo album postumo di Frank Zappa, composto nel 1993 a pochi mesi dalla morte e mai pubblicato.

Nonostante la notizia sia apparsa per la prima volta sul sito zappa.com il primo aprile scorso con il titolo April Fools’ Day, pare sia tutto vero: l’ultimo disco a cui Frank Zappa ha lavorato prima della morte – avvenuta nel dicembre 1993 all’età di 52 anni – sarà finalmente rilasciato in data primo giugno 2015.

 

A conferma del tutto, il fatto che Dance me this (questo il titolo dell’album) sia già disponibile in pre-order sul sito ufficiale e un comunicato dei familiari:

Dance me this è stato l’ultimo disco al quale ha lavorato, insieme a ‘Trance-Fusion’ [pubblicato nel 2006], l’ultimo capitolo dei suoi capolavori, ‘Civilization, Phaze III’ e ‘The rage & the fury’.

 

Dance-Me-This-Frank-Zappa

 

La vedova Zappa, Gail Zappa, e il Zappa Family Trust (detentori dei diritti delle composizioni di Frank Zappa) hanno promesso il rilascio di Dance me this per anni. Nel 1994 fu fatta anche circolare un’audiocassetta promozionale contenente le tracce dell’album, ma l’idea dell’uscita venne accantonata a tempo indeterminato: mentre un flusso costante di uscite postume e riedizioni hanno soddisfatto i fan di Zappa nei decenni successivi, Dance me this è stato dimenticato fino a quando Gail ne ha riproposto l’uscita, nel 2011.

 

L’album è considerato il numero 100 (prodotto ufficialmente o per conto di Frank Zappa) nella discografia sterminata dell’artista, nonché la chiusura (almeno ideale) di una carriera prolifica e intensa, iniziata nel 1966 con la pietra miliare Freak Out.

 

 

Per la prima volta a parlare del disco fu lo stesso Frank Zappa in un’intervista rilasciata al Guitarist Magazine qualche mese prima della morte:

Al momento sto lavorando a un disco suonato col Synclavier intitolato ‘Dance me this’, concepito per essere utilizzato dalle compagnie di danza contemporanea. Probabilmente non sarà pubblicato prima dell’anno prossimo.

Fonte: Information Is Not Knowledge

 

La dichiarazione pare verosimile, anche alla luce del fatto che Zappa aveva composto musica da balletto utilizzando il Synclavier già prima del 1993.

Articoli correlati