Cicloturismo

Favignana è l’isola più ciclabile del Mediterraneo

Nel Mediterraneo Favignana è l’isola più ciclabile: la piccola perla delle Egadi in Sicilia offre 33 km di perimetro da percorrere in bicicletta per scoprire così i suoi scorci migliori.

È l’isola più ciclabile del Mediterraneo e non solo perché è piccola e ha un perimetro di soli 33 km, ma perché offre tutto ciò di cui i cicloturisti hanno bisogno: Favignana nelle Egadi, in Sicilia, si è guadagnata questo titolo. Una perla non solo per mare, tradizioni e cibo ma anche per chi cerca una vacanza attiva a contatto con la natura.

In bicicletta per Favignana

Scoprire angoli nascosti, poco battuti, incontaminati in un luogo di vacanza è uno dei piaceri del viaggio: trovare un posto “proprio” è ancora più emozionante in bicicletta, grazie a ritmi diversi, all’autonomia che questo mezzo regala e allo sguardo ravvicinato che concede. Utilizzare le due ruote per muoversi qui è una scelta green conveniente per molti motivi: è economico, molto meno costoso del noleggio dei motorini; pratico perché ci sono molte piccole officine che noleggiano bici di ogni tipo, con oltre 6.500 bike a disposizione dei turisti e, non meno importante, il percorso nell’isola è quasi tutto pianeggiante, rendendo così accessibile a tutti, anche ai meno allenati, l’esplorazione su due ruote. Favignana è l’isola giusta da vivere in bicicletta e ce ne si accorge appena si sbarca: le auto sono praticamente inesistenti, solo biciclette e barche.

 

Favignana
Cala Azzurra a Favignana, nelle isole Egadi in Sicilia

 

Quasi tutte strade asfaltate, pochi sterrati e curve dolci sono ciò che attende i cicloturisti che in soli due giorni possono girare tutta l’isola di Favignana e andare dalle spiagge più rinomate e spettacolari, come Cala Rossa e Cala Azzurra, fino al più alto e unico monte dell’isola, Santa Caterina, un colosso di 300 mt.

Con 20 km di piste per le due ruote, Favignana si è aggiudicata il record di isola più amata dai ciclo-turisti provenienti da ogni angolo del mondo.

Favignana, un itinerario in bicicletta

“La grande farfalla sul mare”, Favignana, così com’è stata definita, può essere divisa in due parti che diventano due diversi percorsi per scoprire questa perla del Mediterraneo: le due ali della farfalla.

Si parte dalla piazzetta principale di Favignana per dirigersi in via Badia da dove si prosegue verso il mare fino a un bivio, dove si può scegliere se andare verso l’ala destra, quella dei faraglioni, o l’ala sinistra, quella delle spiagge più note.

 

 

A sinistra si incontrano: Lido Burrone, spiaggia sabbiosa e molto frequentata, Cala Azzurra, con una bella scogliera, vegetazione un po’ brulla e una piccolissima insenatura dove l’acqua è cristallina, Cala Rossa, romantica, ventosa ma ricca di scogli e di cave di tufo.

L’ala destra, l’altro possibile percorso, porta i turisti verso bellissime calette che si susseguono una dopo l’altra: la strada giunge a Punta Longa e poi a un bivio che da un lato conduce alla galleria che attraversa il monte di Santa Cristina, dall’altro a un sentiero panoramico. Poi Cala Rotonda e Cala Grande sino alla scogliera e al faro, un paesaggio da cartolina. Qui la strada diventa un sentiero, poi roccia e infine ecco i faraglioni.

 

Dopo aver girato l’isola pedalando, l’esplorazione potrebbe continuare in acqua per raggiungere le altre meravigliose Egadi, in particolare Marettimo e Levanzo. A Levanzo è assolutamente da visitare la Grotta del Genovese, il più importante complesso di figure parietali in Italia, Marettimo invece è un paradiso per chi ama immergersi.

Tutte le informazioni su questo angolo di Sicilia nel sito ufficiale http://www.distrettosiciliaoccidentale.it/it

 

Articoli correlati