Franca Masu – Aquamare

Franca Masu è sarda, di Alghero, e ad Alghero si parla, e si canta, in Catalano.

Franca Masu – Aquamare (Felmay, 2006)
Sarà un fatto privato, ma ci fa piacere condividerlo. Questo
cd ce l’ha fatto conoscere Teo Musso, il creatore della birra
Baladin, uno che la sa lunga non solo sulla birra.

Dal suo raro impianto audio degli anni Trenta abbiamo sentito
diffondersi questa voce magica e un disco arrangiato e suonato con
gusto ed esperienza (non a caso vi figura tra gli altri il
polistrumentista Gavino Murgia, uno tenuto d’occhio da un altro che
la sa lunga: Mauro Pagani).

Franca Masu è sarda, di Alghero, e ad Alghero si parla, e
si canta, in Catalano.

Questa la lingua principale del disco. Un disco contemporaneo,
aperto come il mare, come la Sardegna al centro del Mediterraneo,
che tocca il flamenco, la canzone d’autore italiana (bellissima la
versione in Catalano di Canzone per te di Sergio Endrigo) e che si
spinge fino al tango argentino.

La voce di Franca poi è profonda e tersa, e ricorda a
volte in maniera impressionante quella di Mina, ma non sempre.

È interessante ciò che dice in proposito Paolo
Fresu: la voce di Franca Masu affonda le sue radici nella
monodia del matriarcale canto sardo come è stato nel passato
per Maria Carta e come è oggi per Elena Ledda. Voce che
racconta di sole, di mare, di genti…

www.francamasu.com

Articoli correlati