La lentezza si merita un Festival

A Colorno, in provincia di Parma, esiste un festival che elogia la lentezza e vuole restituire a noi stessi quel tempo sottratto a cui abbiamo rinunciato. Un’idea rivoluzionaria di questi tempi. Il 12, 13 e 14 giugno, se non avete fretta, fateci un salto.

Può sembrare una provocazionema non lo èFermarsi 3 giorni e riflettere sulla lentezza è necessario. Forse, soprattutto in quest’epoca. Siamo sempre portati a pensare che tutto debba essere fatto con velocità, che chi arriva prima è il migliore, che occorre arrivare in fretta. Nessuno ci spinge invece a riflettere su cosa perdiamo vivendo così.

 

Ne abbiamo già parlato qui scrivendo di viaggi: quanto è bello percorrere strade a piedi, anche lentamente, assaporando così ogni attimo, ogni panorama, ogni nostra sensazione?

 

Scoprire che qualcuno ha fatto di questa filosofia un festival, ci fa capire di non essere soli a cercare altro, dunque con entusiasmo vi parliamo del Festival della Lentezza: si svolgerà il 12, 13, e 14 giugno a Colorno, in Provincia di Parma, (quindi avete tutto il tempo per organizzarvi con calma!) nella Reggia, una location che ha, da sola, bisogno di tempo per essere apprezzata a pieno.

 

Reggia di Colorno

 

Il programma della 3 giorni spazia dalle attività per famiglie e bambini agli incontri culturali sul tema del viaggio, della scienza e della buona amministrazione. Quest’ultimo è un tema caro al festival che nasce proprio dall’iniziativa dellAssociazione dei Comuni Virtuosi che mette in circolo esperienze concrete e buone prassi in campo ambientale sperimentate in giro per l’Italia da decine di enti locali di varia grandezza e natura.

 

Tra le chicche del programma vi segnaliamo il concerto di Vinicio Capossela, uno spettacolo di Ascanio Celestini, e il monologo finale di Marco Travaglio, ma non sono gli unici appuntamenti degni di nota, trovate il vostro qui.

 

10

 

E non mancate di fare un giro a Colorno e dintorni oppure, se non avete voglia di muovervi, di concedervi un ottimo break culinario, organizzato da Alma, la Scuola Internazionale di Cucina, partner del Festival.

 

Tanti appuntamenti in soli 3 giorni, ma vissuti lentamente. Sperimentate questa nuova dimensione. Ecco il nostro adagio.

 

 

Articoli correlati