Il Governo finanzia con 800 milioni l’efficienza energetica

Con il recepimento della Direttiva europea, sono state stanziati ingenti risorse per diminuire i consumi e la dipendenza energetica del Paese.

Presentato dal Ministro per lo Sviluppo Economico Guidi e dal Ministro dell’Ambiente Galletti il decreto sull’efficienza energetica che di fatto recepisce la Direttiva 2012/27/UE. Il provvedimento raccoglie misure che mirano a promuovere il risparmio e l’efficienza su tutto il territorio nazionale, dalla pubblica amministrazione, alle imprese e alle famiglie.

 

 

Le risorse finanziarie stanziate ammontano 800 milioni di euro e verranno impegnate, come riportato dal documento, per avviare un dettagliato programma di interventi per la riqualificazione energetica degli edifici della Pubblica Amministrazione, a partire da quest’ano e fino al 2020.

 

 

“Si tratta di un pacchetto, che insieme alle altre misure approvate finora, consente di affrontare le importanti sfide dirette a migliorare la sicurezza di approvvigionamento e alla riduzione dei costi energetici”, ha detto Guidi auspicando che “possano presto diventare tangibili i benefici a favore dei consumatori, delle imprese e dell’ambiente”.

 

 

Inoltre è stato previsto per le grandi imprese energivore l’obbligo di eseguire diagnosi di efficienza energetica da ripetersi ogni quattro anni a partire dal 5 dicembre 2015; le piccole e medie imprese invece vedranno finanziate gli interventi di diagnosi energetiche con 105 milioni, risorse che serviranno anche a sostenere programmi triennali di formazione ed informazione volto a promuovere l’uso efficiente dell’energia.

 

 

Di particolare interesse l’istituzione del “Fondo nazionale per l’efficienza energetica”, ovvero 70 milioni di euro fino al 2020, dedicato a tutti gli interventi coerenti con il raggiungimento degli obiettivi nazionali di efficienza energetica ed in particolar modo per quelli sulle reti di teleriscaldamento e teleraffrescamento. Da sottolineare inoltre le misure dedicate ai consumatori: ci sarà l’obbligo da parte dei fornitori di predisporre per gli utenti i contatori cosiddetti intelligenti, in grado cioè di misurare con precisione il consumo effettivo e che forniscono informazioni sul tempo effettivo d’uso.

Articoli correlati