Licaone o lycaon pictus: tutto sul cane iena africano

Sembra un cane di pezza, fabbricato con avanzi di pelo. Il mantello pare una bizzarra opera d’arte.

Il licaone: che cos’è?

Il nome scientifico della specie è “pictus” che significa dipinto. Infatti il mantello del licaone assomiglia a una bizzarra opera d’arte.  Vive in Africa, in gruppi sociali numerosi ed è altamente specializzato nella caccia in gruppo. Oggi questo animale è seriamente in pericolo di estinzione.

Come vive il licaone

©Ingimage
I licaoni compiono grandi spostamenti nel territorio, si accampano per riposare nelle ore calde della giornata scavandosi delle buche nel terreno e adagiandosi in esse e, all’imbrunire, iniziano la caccia. ©Ingimage

I componenti di un gruppo vivono sempre insieme e si conoscono talmente bene che agiscono in maniera corretta e coordinata anche nei momenti di grande eccitazione come quello della caccia, quasi che siano in continua relazione telepatica. Il gruppo sociale è guidato, come nei lupi, da una femmina e dal suo compagno. Prevalentemente esso è composto da esemplari maschi, figli del capo dominante; le femmine si allontanano quando sono ancora giovani a formare altri gruppi sociali.

Leggi anche: I licaoni votano con uno starnuto

Licaoni a caccia: come fanno

Un branco di licaoni a caccia. ©Jonatan Pie/unsplash
Un branco di licaoni a caccia. ©Jonatan Pie/unsplash

Una volta atterrata la preda il gruppo di licaoni la divora immediatamente. Tutti gli appartenenti del gruppo, indistintamente, hanno diritto al pasto senza liti. Se per un gruppo di dieci o venti licaoni è facile atterrare prede abbastanza grandi come una zebra, è più difficile difendere la preda dai leoni o dalle iene, per questo a differenza di altri predatori, consumano il pasto immediatamente. Le madri trangugiano anche il cibo destinato ai cuccioli, nascosti nella tana per i primi tre mesi di vita, e lo rigurgitano successivamente direttamente nella gola dei loro piccoli.

Articoli correlati