Arredamento e Design

Il 20 marzo è l’Italian design day, 100 ambasciatori del made in Italy in 100 città del mondo

L’Italian design day è alla sua terza edizione. Il 20 marzo si celebrano progetti e prodotti italiani di eccellenza grazie a 100 ambasciatori del design in 100 città nel mondo.

L’Italian design day è giunto quest’anno alla sua terza edizione e viene celebrato ufficialmente oggi 20 marzo in tutto il mondo secondo la formula consolidata di 100 ambasciatori del design  architetti, designer, giornalisti, registi che si faranno porta bandiera internazionali del nostro paese e del nostro “sistema design” in 100 città. Nelle sedi di consolati, ambasciate, istituti italiani di cultura e negli showroom delle aziende italiane all’estero si parlerà di design italiano, delle sue molteplici sfaccettature e i suoi principali settori produttivi: dall’arredo all’illuminazione, dall’automotive allo sport, dal food all’oggettistica.

100 ambasciatori del design in 100 città

Tema portante dell’Italian design day 2019 è La città del futuro, la qualità della vita e le nuove frontiere dell’abitare. Conferenze, mostre, talk, film sono le iniziative che già si stanno svolgendo un po’ ovunque grazie alla rete diplomatico-consolare e degli istituti italiani di cultura. La giornata dedicata al design italiano, creata nel 2017 dal ministero degli Esteri, ha posto il design al centro della sua azione di promozione “vivere all’italiana”, ed è riuscita ad imporsi come efficace strumento di valorizzazione dell’espressione creativa e più in generale dell’eccellenza del made in Italy, vero e proprio brand riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Offre un’occasione di grande visibilità e promozione culturale per l’Italia e per l’intero settore produttivo nazionale dell’arredo e del design – che detiene il primato mondiale ed è una voce importante dell’economia del paese, con un fatturato annuo nell’alto di gamma che nel 2014 ha raggiunto 29 miliardi di euro secondo quanto riportato da Il sole 24 ore.

Il video sul design italiano di Matteo Garrone per la prima edizione

Per la prima edizione, il formato della giornata è stato messo a punto dalla Triennale di Milano: tutti gli ambasciatori del design partecipano a tavole rotonde e conferenze con, anche, il comune obiettivo di promuovere il video commissionato dal Salone del Mobile al regista Matteo Garrone, diventato celebre con il film Gomorra e già autore del cortometraggio Before design: classic. Tradizione nel futuro nel 2016 sempre in collaborazione con il Salone del Mobile.

Garrone si è cimentato per la seconda volta in un territorio per lui inconsueto, quello dell’arredamento e dei prodotti di design. Il video che ha realizzato, ambientato in paesaggi naturali, ha l’obiettivo di raccontare la particolarità dello stile di vita all’italiana fondato sull’idea della qualità della vita che si ripercuote in molti aspetti, dal cibo alla moda, dai luoghi all’amore per le cose belle: che il resto del mondo riconosce con ammirazione e anche un po’ d’invidia.

italian design day
100 ambasciatori in 100 città per l’Italian design day

L’Italian design day negli anni

L’esperienza di quest’anno getterà le basi anche per l’edizione dell’anno prossimo. Ai 100 ambasciatori dell’Italian design day infatti è stato chiesto di segnalare eccellenze e innovazioni relative ad artigianato, tecnologia e materiali nel paese visitato, per poi condividerle e cercare di trovare possibili contaminazioni progettuali. La giornata mondiale del design italiano non si esaurirà dunque con gli eventi del 20 marzo: le registrazioni delle conferenze confluiranno in un sito dedicato per creare un grande serbatoio di esperienze progettuali facilmente consultabili e che verrà alimentato negli anni.

italian design day logo
Il marchio dell’Italian design day disegnato da CamuffoLab

I luoghi e gli ambasciatori dell’Italian design day

Queste le principali città di riferimento:

  • Abu Dhabi
  • Addis Abeba
  • Astana
  • Bangkok
  • Barcellona
  • Basilea
  • Baku
  • Beirut
  • Belgrado
  • Berlino
  • Bogotà
  • Bruxelles
  • Budapest
  • Buenos Aires
  • Il Cairo
  • Chicago
  • Città del Capo
  • Copenaghen
  • Curitiba
  • Doha
  • Dubai
  • Eindhoven
  • Hanoi
  • Helsinki
  • Hong Kong
  • Johannesburg
  • Kuala Lumpur
  • L’Avana
  • Lagos
  • Lima
  • Lisbona
  • Ljubijana
  • Londra
  • Los Angeles
  • Luanda
  • Madrid
  • Città del Messico
  • Miami
  • Milano
  • Mosca
  • Montreal
  • Mumbai
  • New Delhi
  • New York
  • Osaka
  • Oslo
  • Parigi
  • Pechino
  • Rio de Janeiro
  • Roma
  • Rotterdam
  • Saint-Etienne
  • Santiago del Cile
  • Seoul
  • Shanghai
  • Shenzhen
  • Singapore
  • San Francisco
  • Sydney
  • Stoccolma
  • Taipei
  • Tallin
  • Teheran
  • Tel Aviv
  • Tokyo
  • Toronto
  • Vancouver
  • Varsavia
  • Vienna
  • Zurigo.

Tra i 100 ambasciatori ci sono i designer Patricia Urquiola, Aldi Cibic, Carlo Colombo, Fabio Novembre, Giulio Iacchetti, Michele De Lucchi, Mario Bellini, Matteo Ragni, Marco Romanelli, Giorgio Vigna e gli imprenditori Patrizia Moroso, Claudi Luti e Rodrigo Rodriquez.

Articoli correlati