Il linguaggio simbolico per leggere la natura

Il linguaggio simbolico è quello che più compiutamente esprime i tratti del pensiero che ha con la sua logica, la sua natura più olistica e qualitativa.

Accanto al linguaggio della scienza, che scompone l’oggetto della conoscenza nelle sue parti e che analizza ogni aspetto separatamente, c’è un altro linguaggio, altrettanto costitutivo per l’uomo: il linguaggio analogico del simbolo che è proprio dell’arte, del mito e della religione. Sono due tipi di linguaggio complementari: l’approccio logico, oggettivo, che è concettuale, razionale, discorsivo; e l’approccio simbolico che è caldo, metaforico, esistenziale, estetico. La base della mente è, infatti, anche fatta di poesia, pathos, emozione, mito.  il linguaggio simbolico è quello che più compiutamente esprime i tratti di questo secondo volto del pensiero che ha anch’esso una sua logica, di natura più olistica e qualitativa.

Il linguaggio simbolico ci è dunque essenziale per dare un senso alla vita.

Il linguaggio simbolico e la cultura occidentale

La cultura occidentale si è configurata negli ultimi secoli nel segno della scissione tra il linguaggio simbolico e il linguaggio analogico. E questo divorzio tra le “due culture” ha letteralmente prodotto una spaccatura verticale tra i diversi versanti dell’esperienza umana. L’età moderna può essere definita come l’età delle separazioni: la natura e la cultura, il corpo e l’anima, l’interiorità e l’esteriorità sono le schegge di un’unità esplosa. Oggi molti cominciano a sentire che è giunto il momento di riprendere il grande progetto culturale di un Nuovo Rinascimento, che riproponga una sintesi tra queste polarità.

Cosa possiamo trovare nel linguaggio simbolico

Nel linguaggio simbolico possiamo ritrovare quegli aspetti che possono rigenerare il rapporto di alleanza tra la società occidentale e la natura, intendendo questo termine nella sua accezione biosociale: si tratta infatti anche di una riconciliazione con quelle culture che hanno mantenuto viva questa relazione e che l’Occidente ha avuto tendenza a soffocare.

Leggere la natura tramite il linguaggio simbolico vuol dire apparentarla a noi, riconoscere che il creato non è un coacervo di oggetti ma un insieme di significati e di segreti messaggi. Solo così, potremo imparare ad abitare la Terra come una dimora ospitale che accoglie numerose forme di vita e offre delle risorse vitali da rispettare.

Articoli correlati
Secondo i nostri figli le galline hanno sei zampe

I nostri figli, sempre meno a contatto con l’ambienta naturale, con gli elementi primari, gli animali e le piante, che idea si fanno del mondo e come imparano a relazionarsi con la vita? Basta poco per essere loro d’aiuto: usciamo insieme a loro all’aperto!

La paura di cambiare

Il cambiamento è un fenomeno continuo e naturale, e la capacità di adattamento consiste nel saper essere flessibili e assecondare il flusso della vita. Ma non è così semplice.

La bellezza è in ognuno di noi

Come per una misteriosa risonanza la spontaneità della natura che abbiamo di fronte risveglia la spontaneità del nostro essere più vero.

Le quattro ecologie

Un testo di Leonardo Boff, uno dei maggiori esponenti della Teologia della Liberazione sudamericana, che presenta una sintesi della sua visione ampia e articolata sulla questione ecologica.

Idee in azione

Etica, filosofia ed ecopsicologia cominciano a tradursi in iniziative e risultati concreti quando vengono abbracciate da persone che, pur nel loro piccolo, hanno il coraggio di parlare di idee sogni e speranze e di agire di conseguenza.

L’uomo appartiene alla terra

Per gli indiani quechua e aymara, popolazioni autoctone delle Ande, l’uomo è immerso in un universo misterioso. L’uomo occidentale ha invece perso il suo legame con la terra.