La paura di cambiare

Il cambiamento è un fenomeno continuo e naturale, e la capacità di adattamento consiste nel saper essere flessibili e assecondare il flusso della vita. Ma non è così semplice.

Agli astri e alle carte si chiede un controllo sul futuro
perché abbiamo paura dell’incerto. Il cambiamento è
una rinascita, ma prima qualcosa di noi deve morire. E’ un rischio,
presuppone fiducia, in se stessi e nel futuro.

Anche quando il presente non ci piace, ci irrigidiamo
nell’aggrapparci a quello che siamo e che abbiamo; spaventati dal
nuovo, non lo vediamo. Cristallizzarsi in abitudini per timore di
abbandonarle è un modo nevrotico e magico per fermare il
tempo. Fa soffrire, ma il senso di minaccia inconscia legato
all’allontanamento dai binari familiari e noti (magari anche
odiati) è molto forte. Anche i bambini, prima di uno scatto
evolutivo, sembrano regredire, hanno timori: poi di colpo, se tutto
va bene, spiccano un salto da canguri.
E’ noto in psicologia il fenomeno della “resistenza al
cambiamento”: gli esseri umani tendono ad essere conservatori, e a
respingere le innovazioni, anche quelle che alla lunga
considereranno molto positive per sé, a meno di non essere
costretti ad accettarle.

Le emozioni negative sono talvolta delle alleate: quando diventano
più forti della paura, sono una spinta per affrontare la
fatica di cambiare ed evolversi.
Spesso i cambiamenti grossi sono preceduti da una crisi, anche in
psicoterapia. Il momento più buio è quello prima
dell’alba. E’ bene saperlo, aiuta ricordarselo. Forse in futuro si
ringrazierà quella crisi.
L’alba è sempre una sorpresa, giunge imprevista e nuova: ci
si sente diversi, rinati, quando tutto sembrava fermo e spento. E’
così che si costruisce la speranza e la fiducia per vivere
meglio le crisi successive.

Olga Chiaia
Psicologa Psicoterapeuta

Articoli correlati
La vita vissuta in armonia

“Ognuno deve vivere ogni suo momento con l’intensità con cui lo vivrebbe se fosse il primo attimo del nascere o l’ultimo istante del morire”.

Quale posizione adottare quando si medita

Gli insegnamento del Ven. U-Vivekananda relativi alla posizione corretta da assumere durante la meditazione Vipassana, con indicazioni preziose e utili anche per altre tecniche meditative in posizione seduta.

Elogio dell’agire

Marco Aurelio ed Epitteto c’insegnano che “la vita buona” non consiste nel vuoto parlare, bensì nell’agire.