I Massive Attack contro il fracking: firmano la colonna sonora del film A River

Robert Del Naja e Euan Dickinson dei Massive Attack hanno composto la colonna sonora di “A River”, documentario che indaga sui rischi dovuti alle perforazioni per l’estrazione di gas di scisto nel sud del Galles.

L’attore britannico Michael Sheen e i due componenti dei Massive Attack, Robert Del Naja e Euan Dickinson, hanno dato il loro sostegno al film A River, già definito “un documentario anti-fracking”. Sheen si è prestato come voce narrante, mentre Del Naja e Dickinson ne hanno composto la colonna sonora originale.

Robert Del Naja dei Massive Attack durante un live Foto by Carl De Souza/Getty Images.
Robert Del Naja dei Massive Attack durante un live Foto by Carl De Souza/Getty Images.

A River indaga sul potenziale rischio di inquinamento del fiume Afan, dato dalle perforazioni per l’estrazione di gas da argille nel vicino villaggio di Pontrhydyfen, nel sud del Galles.

Il fiume, dopo un secolo di inquinamento dovuto alle estrazioni minerarie industriali effettuate nella zona, si è trasformato in un gioiello incastonato in un angolo di paradiso per escursionisti, ciclisti o semplicemente amanti della natura: l’Afan attraversa, infatti, l’Afan Forest Park, parco naturale con circa 120 chilometri quadrati di zona protetta. Ma ora il fiume è nuovamente minacciato dal progetto di costruzione di un pozzo esplorativo da fracking nel villaggio di Pontrhydyfen – proprio dove si immette nel fiume Pelenna – i cui piani sono stati approvati dal Neath Port Talbot County Borough Council.

Qualche giorno fa il documentario è stato anche proiettato all’House of Commons britannica (una delle due assemblee parlamentari che costituiscono il Parlamento britannico), grazie all’appoggio del deputato laburista Stephen Kinnock che ha affermato:

La storia di questo bellissimo fiume e delle comunità che lo hanno vissuto, deve essere ascoltata.

 


Il regista, Anthony Tombling Jr, ha spiegato al TheGuardian di aver trascorso un anno intero  insieme alla sua crew, esplorando i corsi d’acqua di Cymer, Pontrhydyfen, Cwmafan e Port Talbot, e ha aggiunto:

Questi fiumi oggi così ricchi di vita, sono sopravvissuti a tanti anni di inquinamento. È nostro dovere proteggerli per le generazioni future.

 

Proteste anti fracking nel regno Unito. Foto by frack-off.org.uk.
Proteste anti fracking nel regno Unito. Foto by frack-off.org.uk.

 

Gli abitanti del luogo si sono uniti al gruppo d’azione Afan-Nedd Against Fracking, che si mobilita organizzando eventi pubblici di informazione ma anche sit-in di protesta. La petizione lanciata online, denominata Frack Free, ha finora raccolto più di 1.400 firme.

Articoli correlati
Le canzoni più belle dell’estate 2020 secondo LifeGate Radio

Per chi non avesse la possibilità di ascoltare LifeGate Radio in FM oppure online ecco una playlist con le canzoni che ci terranno compagnia durante questa estate. La lista sarà aggiornata periodicamente quindi provate a ripassare. La trovate anche su Spotify, sul nostro profilo LifeGate Radio.