Musica in quota nel Verbano Cusio Ossola

È in svolgimento nelle Provincia di Verbano Cusio Ossola una rassegna concertistica itinerante che offrirà agli amanti della montagna ottima musica nei paesaggi dell’alto Piemonte. Emozionante.

È iniziata con l’arrivo dell’estate e proseguirà sino al 27 settembre: Musica in quota da qualche anno ormai regala agli appassionati di musica, montagna ed escursionismo week end di suggestioni e note tra gli alpeggi e i pianori dell’alto Piemonte.

 

Sono sempre di più infatti gli appassionati che cercano, oltre a sentieri da percorrere e alle bellezze della natura, qualcosa che li emozioni e travolga, da non dimenticare. La musica ha questo potere, soprattutto se a suonarla sono grandi professionisti e se i teatri a cielo aperto scelti sono mozzafiato.

 

Musica in quota

 

Già parecchi gli appuntamenti svoltisi tra le montagne della Val Formazza, della Val Grande, il prossimo al quale si potrà partecipare è in programma domenica 9 agosto, al lago di Matogno, in Valle Isorno a 2087 metri di altezza: qui si esibirà la Futurarkestra Orchestra Bislacca. Il percorso è impegnativo, più di 3 ore, ma non proibitivo e inoltre è possibile contattare una guida del luogo per la sicurezza di tutti.

 

Nel week end di ferragosto si suona venerdì: il 14 agosto nella Valle Divedro all’Alpe Ciamporino, dopo un agile percorso di un’ora e meza, concerto dell’orchestra Chit Brass, con ottoni e percussioni. Sabato 22 l’Ensemble 32 si esibirà all’Alpe Cheggio, in Valle Antigorio.

 

Musica in quota

 

Gli ultimi due appuntamenti sono previsti il 30 agosto nel Parco Nazionale della Val Grande con il trio Ghost, flauto, clarinetto e chitarra e domenica 27 settembre in Val Strona sulle tracce dei Walser a Campello Monti dove sarà protagonista anche il pianoforte.

 

L’unico organo ufficiale della manifestazione è la pagina Facebook dove è possibile trovare tutte le informazioni su ogni escursione e concerto. Per scrivere all’organizzazione, ecco l’indirizzo mail [email protected], mentre per scaricare il programma dell’intero festival, occorre cliccare qui.

 

Come già per I Suoni delle Dolomiti, il connubio tra natura e musica e in particolare tra concerti e montagne, è suggestivo, di successo e sognante. È l’occasione poi per scoprire valli poco note, nascoste ma ricche di sorprese. Fino al 27 settembre.

 

 

 

Articoli correlati
La nuova conquista delle terre alte

Le terre alte sono da sempre una meta molto ambita per gli amanti della montagna. Il turismo sempre più accessibile le sta però mettendo in pericolo.