Napoli: il car sharing che promette auto elettriche e meno code (anche agli sportelli)

Ci.Ro. (City Roaming) è un progetto sviluppato dall’ente no profit Napoli Città Intelligente con l’obiettivo di contribuire alla redistribuzione in modo razionale del traffico in città.

Non solo un incentivo alla mobilità sostenibile e al car sharing, ma anche un modo per espletare pratiche amministrative in tempo reale, senza doversi recare presso gli uffici pubblici. Sono le innovazioni promesse ai napoletani da Ci.Ro. (City Roaming), progetto sviluppato dall’ente no profit Napoli Città Intelligente con l’obiettivo di contribuire alla redistribuzione in modo razionale del traffico in città. Il progetto, che mira a contribuire all’abbassamento dei livelli di CO2 nella città, è patrocinato dal Comune di Napoli e finanziato dal ministero dell’Università e della Ricerca. Dal primo marzo partirà la fase sperimentale, che durera’ fino a maggio 2015.

 

Al centro del progetto, 4 Ci.Ro Point, chioschi multimediali dislocati in diversi punti della città e dotati di totem interattivi, presso i quali accreditarsi per i servizi di car sharing delle 9 autovetture e dei 3 van elettrici offerti da Renault, ma anche ottenere in tempo reale alcuni permessi amministrativi, attualmente di competenza della Napoli Holding e relativi per esempio alla sosta, risparmiando tempo e carta.

 

I veicoli Ci.Ro. possono accedere alle Ztl e hanno a bordo un software di navigazione che consente di razionalizzare la circolazione in citta’ e ottimizzare i tempi di viaggio, segnalando anche i punti di interesse turistico. Tra i partner del progetto di sono anche Abb, azienda produttrice delle colonnine di ricarica per i veicoli, e Vodafone per la realizzazione dell’interfaccia di gestione interna del sistema per lo sviluppo del software di e-Government. Con iniziative di questo tipo, spiega il sindaco Luigi de Magistris, “diventiamo sempre di piu’ una citta’ europea e internazionale e a marzo lanceremo anche il bike sharing”.

Articoli correlati