Nessuna tregua in California per via degli incendi

Il numero dei morti continua a salire in California, mentre il fuoco minaccia interi villaggi e città. Uomini, piante, animali. Siamo tutti colpiti da questa tragedia.

Non si placano le fiamme in California: l’incendio Camp Fire, già il più distruttivo nella storia dello stato, è diventato anche quello con il maggior numero di vittime. Sono infatti 44 al momento i morti accertati, mentre le autorità della contea di Butte continuano a cercare dispersi fra le case abbandonate e i resti dei mezzi lasciati dal fuoco. L’incendio nel nord della California è il più grave, ma le fiamme stanno mettendo paura anche nel sud dello stato, vicino Los Angeles, per via del Woolsey Fire.

incendio Camp Fire
I danni di Camp Fire nel nord della California – © Justin Sullivan Getty

Ultimi aggiornamenti dalla California

Al momento i Vigili del fuoco sono riusciti a contenere solo il 30 per cento di Camp Fire che, dopo aver raso al suolo la città di Paradise, ha continuato a distruggere ettari di terreno. Anche le fiamme di Woolsey Fire, a ovest di Los Angeles, sono ora contenute con la stessa percentuale mentre quelle di Hill Fire, nella contea di Ventura, sono state fermate all’85 per cento. I problemi maggiori nel sud della California sono dovuti ai venti di Santa Ana, un fenomeno stagionale che avviene in questo periodo e che porta correnti di aria calda dall’interno dello stato verso la costa del Pacifico.

Questi venti aiutano le fiamme a muoversi più velocemente e al momento rappresentano uno dei nemici peggiori dei pompieri in quella zona. Il fatto che negli ultimi anni si siano costruite case ed edifici in aree fino a poco fa boschive ha fatto sì che gli incendi di quest’anno creassero maggiori danni e più vittime. Per tutti e tre i grandi incendi attuali della California si sospetta che siano stati dei malfunzionamenti di alcune torri elettriche a provocare la prima scintilla. Quindici minuti prima dell’inizio di Camp Fire, una torre di proprietà dell’azienda Pacific Gas & Electric Company si è rotta nella contea di Butte mentre le autorità di Los Angeles stanno indagando su un blackout avvenuto vicino Ventura in un complesso della compagnia Southern California Edison che fornisce elettricità alla zona.

Trump litiga su Twitter con i Vigili del fuoco

Donald Trump ha voluto dire la sua sugli incendi in California. Il presidente americano ha twittato contro il malgoverno delle organizzazioni che si occupano della gestione di parchi e foreste. Si potrebbe parlare di un’altra occasione persa per non fare brutta figura, dato che sono subito intervenuti gli account ufficiali dei Vigili del fuoco a smentirlo. “I suoi commenti sono un insulto per i pompieri e le vittime. Gli incendi non hanno nulla a che fare con la gestione delle foreste e sono connessi ai centri urbani”, hanno risposto gli agenti di Pasadena. Altri sui social hanno provato a far capire a Trump come i lunghi periodi di siccità e l’assenza di piogge, eventi strettamente legati al riscaldamento globale che il presidente vuole negare, siano fra le cause degli incendi.

Intanto anche gli animali sono in pericolo in California: almeno diecimila animali domestici sono stati salvati durante le evacuazioni e altri, come cavalli e mucche, hanno trovato riparo in dei rifugi. Una delle attrazioni del Malibu Wine Safari, la giraffa Stanley, è salva. “Abbiamo deciso di liberarla in una zona dove non c’era pericolo di fiamme durante i giorni più caldi e per ora tutto è andato per il meglio” ha detto Dakota Semler, che si è occupata di portare in salvo anche altri animali minacciati da Woolsey Fire.

Articoli correlati