Sono all’osso – Il Pan del Diavolo

Il Pan del Diavolo in realtà sono in due, percuotono le chitarre e la gran cassa, come menestrelli d’altri tempi, con in testa il folk e il blue grass, riveduti e corretti con un?attitudine punk…

Sono all’osso – Il Pan del Diavolo…

album_cover_sono_all_osso-220

Vasco Brondi aka Le Luci della Centrale Elettrica stravede

per loro, Davide Toffolo li ha voluti fortemente nel roster
dell’etichetta La Tempesta. Nelle esibizioni dal vivo danno il
meglio: ovunque, da Pavia fino al Leoncavallo, quando suonano
“tirano giù il palco”. Ora, dopo un Ep accolto con grande
interesse dalla stampa, esce il disco d’esordio de Il Pan del
Diavolo.

“Sono all’Osso” è fatto di 12 tracce: 12 vicende
pittoresche e psicotiche che nascono nella testa di Pietro
Alessandro Alosi (ideatore del progetto), per essere sputate fuori
e messe su nastro con una voce che urla, graffia e che decisamente
non lascia scampo.

Il disco ribolle di musica del passato, ispirata dagli
atteggiamenti di eroi del Rock’n’Roll e della canzone italiana come
Ghigo Agosti e Adriano Celentano, Luigi Tenco o Fred
Buscaglione.

Folk, Rock’n’Roll e canzone d’autore: questo al servizio del
mondo assurdo creato dalle liriche di Alosi. Tutto può
succedere ed ogni canzone canzone è un racconto perfetto in
sé. A volte è uno stornello (“Scarpette a punta”,
brano scelto per l’onda su LifeGate Radio), a volte una manciata di
parole ripetute e ossessive come una fitta al petto (Bomba nel
cuore). Sull’ecobus di Passengers, scarrozzati il 9 febbraio, hanno
regalato agli ascoltatori di LifeGate Radio “Pertanto” e “Centauro”
(si vede il duo palermitano all’opera
sul blog dei conduttori
). Poco dopo, sempre a Milano,
in zona Ripamonti, il primo ciak del videoclip del loro primo
singolo, “Pertanto”.

Il disco è stato interamente scritto e suonato da Il Pan
del Diavolo (Pietro Alessandro Alosi e Gianluca Bartolo). Gli unici
ospiti sono The Zen Circus: Ufo al basso acustico, Karim alla
batteria minimale, Andrea Appino alla chitarra elettrica e voce in
“Bomba del cuore”.

“Sono all’Osso” è stato registrato nella sala A delle
Officine Meccaniche di Milano, è stato prodotto da Fabio
Rizzo e infine mixato su nastro insieme al produttore americano JD
Foster (Calexico, Marc Ribot, Capossela).

Articoli correlati