Papa rock, in arrivo il primo album

Dopo un annuncio a sorpresa, il 13 novembre uscirà “Wake Up!”, l’esordio discografico e primo album rock di Papa Francesco.

Sembrava uno scherzo, la solita bufala che accompagna dei grandi eventi come la recente visita di Papa Francesco negli Stati Uniti. E, invece, a sorpresa durante il suo “tour” negli States, è arrivato l’annuncio ufficiale del debutto discografico di Papa Francesco con “Wake Up! (Svegliatevi!)“, che uscirà il prossimo 13 novembre in tutto il mondo, distribuito da Believe Digital su licenza di Multimedia San Paolo.

 

L’album, approvato dal Vaticano, contiene 11 pezzi strumentali che spaziano dal pop-rock alla musica latina, fino ai canti gregoriani e agli inni sacri, rielaborati in chiave contemporanea, con estratti – provenienti dall’archivio sonoro di Radio Vaticana – dei discorsi più toccanti di Bergoglio. Messaggi di speranza, fede e unità in lingua italiana, spagnola, inglese e portoghese con riferimenti alla pace, al lavoro, alla dignità, all’attenzione ai bisognosi e agli ultimi. Parte dei proventi ricavati dalle vendite di “Wake Up!”, tra l’altro, sarà destinata a un fondo di sostegno per i rifugiati.

“Wake Up!” è disponibile in pre-order su iTunes, dove è possibile scaricare il primo singolo che dà il titolo all’album. A produrlo è stato Don Giulio Neroni, già noto per le pubblicazioni discografiche di Giovanni Paolo II (“Abbà Pater” nel 1999) e Benedetto XVI (“Alma Mater-Music from the Vatican” nel 2009). Non è una novità, dunque, che un Papa si cimenti con la musica, ma è forse la prima volta che un Pontefice sposi seriamente il rock, per tradizione agli antipodi della Chiesa o di una parte di essa.

 

papa-rock-2

 

Le musiche presenti nel disco, opera tra gli altri di Tony Pagliuca (dello storico gruppo progressive Le Orme), Giuseppe Dati (autore di Laura Pausini) e Lorenzo Piscopo (collaboratore di Anna Oxa, Giorgia e Articolo 31), hanno destato la curiosità del magazine americano Rolling Stone. Dopo aver dedicato l’anno scorso una copertina a Papa Francesco, la “Bibbia del rock” ha dato in anteprima la notizia di “Wake Up!” con lo streaming del brano di lancio.

 

Dopo due minuti di intro, con crescendo tipici di generi come il prog e il post-rock degli anni Novanta – qualcosa di già assimilato da un ampio pubblico – inizia il discorso che il Papa rivolse nel 2014 ai giovani in Corea del Sud. Musicalmente, il mash-up di chitarre, tastiere, trombe e spoken word non è ineccepibile. Ma la strada del rock, si sa, è sempre irta di insidie.

Articoli correlati