Procol Harum in tribunale per “A Whiter Shade Of Pale”

Un assolo di Hammond importante. Talmente importante che Matthew Fischer, ex organista dei Procol Harum, porterà i suoi ex compagni di band in tribunale.

Matthew Fisher non ci sta. L’ex organista dei Procol Harum sostiene infatti di aver inventato lui l’affascinante riff con l’Hammond di A Whiter Shade Of Pale e per questo motivo pretende una parte dei diritti d’autore e porta gli ex compagni di band in tribunale.

 

 

Il celebre brano porta le firme dei soli Gary Brooker (cantante e pianista) e Keith Reid (autore), nel 1967 ha venduto 10 milioni di copie in tutto il mondo e in più di quarant’anni è stato reinterpretato da tanti artisti ed è stato usato più e più volte in spot pubblicitari e colonne sonore. Ecco perché Fisher vuole che gli venga riconosciuta la paternità di una melodia ormai famosissima, seppur sia stata ispirata a sua volta da alcune composizioni di Johann Sebastian Bach.

 

E così il 20 dicembre 2006 l’alta corte di Londra dà ragione all’ex organista dei Procol Harum e gli assegna il 40% delle royalties (anche se sono esclusi gli arretrati). Scrive il giudice nella sentenza: “Quell’assolo di organo è una parte significativa della canzone e, ovviamente, il prodotto dell’abilità e del lavoro della persona che l’ha scritto”.

Nel 2008, poi, la Corte d’Appello ribalterà la sentenza di primo grado, ma il 30 luglio 2009 la House of Lords riconoscerà definitivamente e all’unanimità i diritti spettanti a Matthew Fisher in quanto coautore del brano. L’organista potrà quindi incassare le royalties a partire dal 2005, anno in cui la causa era iniziata.

 

Leonardo Follieri

Articoli correlati