Quote rosa, al via un altro giro

Questa primavera diverse società rinnoveranno le cariche sociali e dovranno rispettare la legge Golfo-Mosca. Circa 130 le donne che entreranno.

Le quote rosa prendono sempre più piede e cominciano a emergere le prime analisi sui risultati che le disposizioni normative hanno portato negli equilibri aziendali. Questa primavera, altri 65 consigli di amministrazione e 73 collegi sindacali, tra cui quelli di big quali Enel, Finmeccanica, Enav e Poste Italiane, apriranno le porte a 130 donne, seguendo le direttive della legge Golfo-Mosca (legge 120/2011) che ha introdotto le “quote di genere” ai vertici delle società quotate in Borsa e a partecipazione pubblica.

 

Sull’argomento ha acceso i riflettori anche l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili (Odcec) di Milano che, nelle scorse settimane, ha chiamato a raccolta una serie di esperti in occasione del XVI Forum della Scuola di Alta Formazione Luigi Martino. I dati sono positivi. Circa due terzi dei consigli e più della metà dei collegi sindacali delle società controllate dalle amministrazioni pubbliche si sono già adeguate alle nuove disposizioni che prevedano di affidare, negli organi sociali, il 20% delle cariche alle donne.

Articoli correlati
Da Giano bifronte a Pinocchio. Le multinazionali con disturbi di identità

“Solidarietà”, “salute”, “attenzione alle fasce deboli”, “mission al servizio della collettività”. A leggere cosa raccontano di sé, tutte le multinazionali sono “straordinarie”, con un clima interno di lavoro piacevole e orientate al bene della comunità. Ma quante di queste “parole chiave” hanno poi un concreto riscontro nelle loro attività quotidiane?