Le false promesse dell’Italia di uscire dal carbone, il video denuncia di Re:Common

“L’anima nera dell’Italia”, il video denuncia di Re:Common su quanto le compagnie energetiche nazionali siano ancora pienamente coinvolte nel business del carbone, in Italia e all’estero.

Italia fuori dal carbone è ancora un traguardo molto, troppo lontano, soprattutto nei fatti. A rilevarlo una video inchiesta intitolata “L’anima nera dell’Italia” prodotta da Re:Common in occasione del G7 di Taormina e con cui denuncia quanto Governo, Enel e A2A siano ancora strettamente legate al carbone, sia in casa sia fuori casa.

Nel cortometraggio i registi Stefano Martone, Fosco D’Amelio e Mario Martone tracciano la recente storia del carbone in Italia dalla centrale di Vado Ligure a quella di Brindisi Nord, ferma da quattro anni, per arrivare a quella di Brindisi Sud, ancora in funzione con tutte le sue emissioni altamente inquinanti.

Ma i proclami di uscire dal carbone valgono solo per l’Italia? Sembrerebbe di sì. Le compagnie infatti puntano a esportare le tecnologie all’estero. In primis A2A che mira a trovare facili guadagni in Montenegro gestendo investimenti in centrali a carbone in collaborazione con la società elettrica locale. Anche Enel, che possiede la società energetica spagnola Endesa, in spagna viaggia prevalentemente a carbone.

Evidentemente ancora una volta siamo davanti a un’azione di green washing.

powered by Behind Energy

Articoli correlati