Record Store Day 2013

Come ogni anno si avvicina il terzo sabato di aprile. E come ogni anno arriva il Record Store Day, la giornata per celebrare i negozi di dischi indipendenti degli Stati Uniti, nata negli USA ma che ben presto ha varcato i confini americani per diffondersi in tutto il mondo.

Da qualche anno a questa parte, il terzo week end di aprile
è una delle date più attese dagli amanti del vinile e
della musica in generale. Nato nel 2007 per volere di Chris Brown,
un impiegato di un negozio di dischi indipendente statunitense, il
Record Store
Day
è la giornata prescelta da tutti coloro che
posseggono un negozio non associato a multinazionali del disco per
celebrare la (propria) musica. Il RSD è, però, anche
il giorno in cui ogni anno, centinaia di registrazioni, riedizioni
e rarità (nel 2012 sono state pubblicate circa 400 edizioni
speciali) vengono rese disponibili ai musicofili di tutto il mondo:
anche le band e gli artisti omaggiano i negozi di dischi
indipendenti con stampe di vinili in edizione speciale ma anche
apparizioni, performance, incontri e accoglienza ai propri fan
direttamente negli store.

Quest’anno il RSD arriva alla sua settima edizione e vede come
“ambasciatore” ufficiale Jack White, ex White
Stripes
(l’anno scorso fu Iggy Pop) che, appena
appresa la sua candidatura, aveva già promesso la riedizione
in vinile di Elephant (forse l’album più
influente della band, di sicuro il più venduto) che esce a
dieci anni di distanza dall’uscita. Ma gli artisti coinvolti
nell’edizione 2013 del RSD sono davvero tanti. Eccone solo
alcuni.

 

I Black Keys pubblicheranno un 45
giri a tiratura limitata di 7000 copie contenente la versione
originale e la cover di No Fun degli Stooges.

Nicolas Jaar, producer elettronico d’alto livello,
è stato arruolato per i remix di Lux di Brian
Eno
e Sleeping Ute dei Grizzly Bear, che
saranno contenuti in un unico vinile.

I Flaming Lips stamperanno, per la prima volta in
vinile, il loro mitologico cofanetto Zaireeka,
uscito nel 1997 e contenente quattro dischi pensati per essere
riprodotti contemporaneamente.

Stephen Malkmus pubblicherà le
registrazioni di un concerto dal vivo in cui ha eseguito per intero
l’album Ege Bamyasi dei Can.

L’etichetta indipendente di Seattle Sub Pop, che
si appresta a festeggiare i suoi 25 anni di vita, farà
uscire la compilation Sub Pop 1000, ispirata a quella del 1986 Sub
Pop 100 e che sarà disponibile su vinile con inediti di band
come Peaking Lights e My Disco.

David Bowie pubblicherà il nuovo singolo
The Stars (Are Out Tonight), tratto
dall’ultimo album The Next Day, su vinile bianco con una tiratura
limitatissima di 1,000 copie.

Nick Cave & The Bad Seeds e il loro
Animal X, disco in formato 7 pollici che
conterrà una traccia inedita dalle sessioni di registrazione
di Push The Sky Away, ultimo disco della band.

Sir Paul McCartney omaggerrà il RSD con un
EP 12-inch e una versione live di Maybe
I’m amazed
,
come appariva su Wings over America, il
raro triplo album di Paul con i suoi Wings uscito nel 1976.

Il RSD fa quasi miracoli, come la collaborazione fra
Moby e Mark Lanegan: i due (molto
diversi sia musicalmente che come personalità) si sono uniti
nella produzione di The
Lonely Night
, pezzo già disponibile sul web ma
che uscirà in 7 pollici solo per il RSD in edizione
limitatissima. Il lato B del singolo conterrà poi il remix
in stile deep house di Photek, al secolo Rupert Parkes.Ma gli artisti di cui verranno rilasciate edizioni speciali o
inediti sono davvero tantissimi: The Cure, The xx, The Roots, i
Pulp remixati da Soulwax, Nick Drake… la lista è
lunghissima: consultatela sul sito ufficiale di Record Store Day o scaricatela.

Articoli correlati