Sonita Alizadeh: la rapper afgana fuggita al matrimonio combinato grazie a una rima

Sonita Alizadeh è riuscita a sfuggire al matrimonio combinato dalla propria famiglia e ora canta per far luce sulle condizioni drammatiche delle donne afgane.

Sonita Alizadeh è una ragazza afgana di diciotto anni. Ora vive e studia negli Stati Uniti presso l’accademia d’arte Wasatch, dove sogna di diventare avvocato. Ma nel corso della sua vita, Sonita ha dovuto subire svariati spostamenti.

 

La sua famiglia è fuggita alla guerra in Afghanistan per stabilirsi a Tehran, capitale dell’Iran, quando lei aveva solo 8 anni. Dal momento che Sonita era profuga afgana senza documenti, non aveva nessun diritto all’istruzione. Per questo ha iniziato a frequentare un’associazione no profit che, oltre ad averla fatta studiare, le ha insegnato a fare musica.

 

Grazie all’ong, la ragazza si è ben presto appassiona al rap. Dopo l’incontro con una giovane regista iraniana, ha iniziato a creare video musicali e i suoi brani hanno presto raggiunto un discreto successo. Quando Sonita ha cominciato a credere al suo sogno, però, le è stata data una notizia devastante. Sarebbe dovuta tornare in Afghanistan con la madre: lì un uomo era pronto a sposarla per 9.000 dollari e la famiglia aveva bisogno di quei soldi per pagare il matrimonio di suo fratello.

 

Sonita a quel punto ha espresso la sua protesta nel modo che le riesce meglio: ha scritto la canzone Brides for sale – spose in vendita.

 

 

Il brano inizia così:

Lasciami sussurrare, così nessuno sentirà che parlo di ragazze vendute. La mia voce non deve essere udita perchè va contro la Sharia. Le donne devono rimanere in silenzio… questa è la nostra tradizione.

Nel video, Sonita è vestita da sposa, ha il volto coperto di lividi, un codice a barre sulla fronte e supplica la famiglia di non venderla.

 

La giovane rapper ha fatto subito molto parlare di sé, soprattutto in patria. E proprio da lì parte il suo lungo viaggio: NoorJahan Akbar, dell’associazione con sede a Kabul WLUML (women living under muslim laws), invia il video alla sua collega indonesiana Elie Calhoun. Elie lo posta su Facebook e lì viene visto da Cori Stern, co-fondatrice di The Strongheart group – progetto statunitense che si prefigge di aiutare giovani ambasciatori di cambiamento ad amplificare la propria voce.

 

Da quel momento la musica di Sonita si espande a macchia d’olio: Mr. Loftin della Wasatch Academy offre a Sonita una borsa di studio; Laurie Michaels, sostenitrice di Strongheart, inizia a credere fortemente nelle potenzialità della ragazza e la aiuta a proseguire gli studi.

 

Sonita-alizadeh

 

La straordinaria storia di Sonita è stata anche documentata in un film: Sonita is a traveling swallow (Sonita è una rondine che viaggia) della regista iraniana Rokhsareh Ghaemmaghami, uscirà il prossimo autunno e Sonita è pronta a portare la sua esperienza sul tema dei matrimoni precoci e forzati perché, come ha raccontato in un’intervista apparsa su pri.org:

Il rap consente di raccontare la tua storia ad altre persone. E’ una piattaforma per condividere le parole che sono nel mio cuore.

 

Sul sito di Stoneheart scrivono:

Sonita Alizadeh è una forza da non sottovalutare. È una voce molto potente per la rivendicazione delle ragazze e delle donne di poter scegliere il proprio destino (…) La sua musica è diventata un grido di battaglia per molte ragazze in tutto l’Afghanistan.

Ed è così: nonostante dal 2009 esista in Afghanistan un decreto presidenziale (non ancora ratificato dal Parlamento a legge) sull’eliminazione della violenza contro le donne che vieta i matrimoni forzati, il fenomeno non è diminuito e la tradizione di cedere bambine per risolvere dispute familiari o per soldi è ancora molto radicata.

 

Immagine di copertina by: pri.org
Articoli correlati