Casa ecologica

Superfici della cucina: perché un detergente a base vegetale è la scelta migliore

Pulire ripiani e superfici con un detergente a base vegetale è meglio, soprattutto in cucina. Il perché ve lo spieghiamo qui.

Quante volte, nell’arco di una giornata, gli alimenti finiscono a contatto con le superfici della cucina? Pensiamoci: sono tantissime e spesso non ce ne rendiamo nemmeno conto. Capita ogni volta che laviamo la verdura, prima di tagliarla e di cucinarla o di servirla in tavola; capita quando laviamo la frutta o quando estraiamo il pane del suo sacchetto, prima di poggiarlo sul tagliere. Tra il piano di lavoro e gli alimenti, le occasioni di contatto sono molteplici, dirette o anche indirette, tramite le posate, per esempio, che appoggiamo distrattamente sulle superfici dopo aver testato la cottura della pasta.

Tutto ciò che entra in contatto col cibo – dopo che lo abbiamo pulito – finisce poi nel nostro organismo: per questo è importante che le superfici e gli strumenti con cui maneggiamo gli alimenti siano sì perfettamente puliti, ma con prodotti che non rilasciano sostanze potenzialmente dannose per la nostra salute. Anche perché, molto spesso, capita di pulire (e di sciacquare le superfici) in modo distratto e superficiale, per fretta o semplicemente stanchezza.

La scelta del detergente per le superfici della cucina

YOU-Gamma-Spray
I detersivi YOU rispettano le persone e l’ambiente.

Mettere nel carrello del supermercato il detergente giusto per l’igiene della casa, che tolga davvero le macchie di caffè dal lavello e quelle di grasso dal piano cottura, ma che sia anche buono per il nostro benessere, diventa davvero fondamentale.

I detergenti “tradizionali”, infatti, realizzati con ingredienti di sintesi e tensioattivi chimici, possono contenere sostanze che risultano irritanti per la pelle e le vie respiratorie e che possono “passare” negli alimenti, se la detersione non è completa.

Meglio dunque optare per detergenti a base vegetale, certificati e naturali al 100 per cento, come YOU Sgrassatore cucina: realizzato con agenti pulenti derivanti da grano, noce di cocco, barbabietola, gomma naturale proveniente dallo zucchero, oli essenziali e agrumi, non irrita la pelle, non emette Voc (composti organici volatili potenzialmente irritanti per le vie respiratorie) ed è approvato per il contatto alimentare. Per una cucina pulita e anche sana.

 

Informazione redazionale

Articoli correlati
Il mondo è a corto di sabbia

La sabbia è una risorsa rinnovabile, ma noi non le diamo il tempo. Di questo passo, esauriremo le riserve di sabbia per colpa della nostra fame di cemento.