Telepathy – Davey Ray Moor

Dietro questo “raggio stellare” si nasconde Davey Ray Moor, un australiano trapiantato in Inghilterra, portandosi dietro tanto talento.

Telepathy – Davey Ray Moor

Telepathy - Davey Ray Moor

Dietro questo “raggio stellare” si nasconde Davey Ray Moor, un
australiano trapiantato in Inghilterra, portandosi dietro tanto
talento.
Ancora una volta, dopo il magistrale lavoro svolto con i Cousteau,
Davey mette a disposizione dei suoi collaboratori una manciata di
canzoni ispirate e pronte al successo, tra queste interpreta solo
“A Little Won’t do no Harm”, per le altre ci sono delle sorprese!
“Ascolti una voce bellissima, e di colpo è come se tu
l’avessi sempre conosciuta e sempre la riconoscerai per
l’eternità”, queste le parole di Davey a presentare i nuovi
nomi interpreti delle perle di Telepathy: Cristina Donà (di
cui ha anche prodotto “Dove Sei Tu”), Darion Marshall, il bravo
Sergio Cocchi, e Debbie Sanders. Un disco moderno e già
classico allo stesso tempo, ricco di suoni che amiamo e ameremo per
sempre (hammond, rhodes, trombe, chitarre e tutto il resto!).

01 – Sally Say You Will
02 – In Too Deep (Bedroom Rockers Remix)
03 – This Thing Won’t Fly
04 – Wherever Finds You
05 – Love Let Me Go
06 – A Little Won’t Do No Harm
07 – Arlo’s Theme
08 – Slow Daze
09 – Lovers In A Loveless Place
10 – Eve Of War
11 – A Sigh On The Breeze
12 – How Deep Is Your Love
13 – In Too Deep

Articoli correlati