Un Natale da cani?

Tra lotte clandestine e canili lager, anche in queste settimane sono state scoperte e denunciate situazioni di crudele illegalità nei confronti di quelli che dovrebbero essere i nostri migliori amici.

17 dicembre 2004
Lotte clandestine tra cani, 13
arresti.
Nel corso di un’operazione denominata “Fox”, i
Carabinieri di Reggio Calabria hanno arrestato 13 persone accusate
di organizzare combattimenti clandestini tra cani. I militari,
attraverso un’attività investigativa iniziata nel 2002,
hanno scoperto due siti Internet dedicati agli incontri e alle
scommesse. Gli animali dovevano fronteggiarsi nei circuiti dei
combattimenti illegali. I cani feriti nei combattimenti venivano
poi soppressi con l’alta tensione.

6 dicembre 2004
Cremona, cani da combattimento in lager.
Convalidato il sequestro del canile-lager di
Castelleone, nel Cremonese, a cui erano stati posti i sigilli per
il sospetto di maltrattamenti agli animali. Secondo gli inquirenti,
i cani potrebbero essere stati impiegati nei combattimenti
clandestini. Gli animali trovati nell gabbie, infatti, pur essendo
di razza, non erano registrati all’anagrafe canina ed erano
sprovvisti del tatuaggio.
Dietro c’era un piccola fattoria con maiali, tacchini, c’etrano le
gabbie che usano per trasportarli i malviventi.

Non sono casi isolati. Rifugi lager, baracche seminascoste,
combattimenti tra cani, crudeltà.

Nel febbraio 2002 in Puglia, qualcuno entra in canile, entra e
apre le gabbie, lasciando che i
cani più grossi e feroci aggredissero i cuccioli. 6
sbranati, 10 feriti. Cuccioli fatti sbranare per incuria o
ritorsione, all’interno di un canile, gia scioccati
dall’abbandono.

Nell’agosto 1999 a Milano un’operazione di polizia con
un’associazione animalista scopre e
smantella un rifugio sotterraneo lager, zona cimitero di Musocco.
Sequestrati 14 cani, tra cui una mastina napoletana, una
“fattrice”. Dovrebbe pesare 60 chili, ne pesa 18. Trasportata dal
veterinario, durante la notte non ce la fa. Altri pitbull e due
bastardoni erano feriti, avevano combattuto il giorno prima.

In un canile a Roma, a sud della città, trovano cuccioli in
frigorifero.

Agosto 2001, un’associazione denuncia che al canile
di Matera 400 cani vengono tenuti sotto al sole, senz’acqua, con
pane secco. Nonostante il contributo pubblico di 700 milioni di
lire annuo.

Nel gennaio 2001 a Caltanissetta le Fiamme Gialle scoprono una
fossa comune con 200 cani.

Quattro anni fa a Palermo attivisti animalisti presentano un
filmato. In canile aprono le gabbie dei cani che vengono lasciati
liberi di sbranarsi l’uno con l’altro.

Nell’estate ’98 il gestore della pensione per cani ‘Tangenziale
est’ va in vacanza. Dentro, lascia cento cani e dieci gatti a
morire di sete e fame, sotto il sole, chiusi in gabbia.

Cani scomparsi, cani mutilati delle corde vocali… può
essere anche questo il destino dei cani abbandonati.
Non è una galleria dell’orrore. E’ un invito a dare solo
l’aiuto che possiamo, e tutto l’affetto e l’amore che abbiamo, a
chi è vicino a noi… a chi adotteremo.


Stefano Carnazzi

Articoli correlati