Coronavirus

Vikas Khanna, lo chef stellato che ha sfamato milioni di persone durante il lockdown in India

Lo chef Vikas Khanna ha coordinato una rete di aiuti per dare cibo ai migranti in condizioni disperate a causa della quarantena in India. Una storia di solidarietà.

Vikas Khanna, nato in India, si è trasferito a New York vent’anni fa con il sogno di diventare chef, iniziando come lavapiatti e fattorino. Ora è uno chef famoso, ha cucinato per la famiglia Obama, ha condotto diversi show televisivi con Gordon Ramsay, ha scritto 25 libri e creato cene sontuose da 40mila dollari l’una. È stato capocuoco al Junoon, è stato lodato per il suo approccio creativo alla cucina indiana tradizionale e gli è stata riconosciuta una stella Michelin per sette anni consecutivi.

Quando gli effetti della quarantena in India hanno iniziato a farsi sentire, Khanna ha capito che doveva fare qualcosa per le milioni di persone rimaste senza lavoro e senza cibo. Voleva dimostrare che “la solidarietà esiste ancora”, quindi a inizio aprile ha pubblicato un appello sui social media chiedendo informazioni sulle persone più bisognose, le risposte sono state centinaia.

Il lockdown in India, una crisi umanitaria

Il lockdown per il coronavirus in India è iniziato il 25 marzo. Nel giro di poche ore centinaia di migliaia lavoratori migranti rimasti senza lavoro si sono riversati fuori dalle città per raggiungere i villaggi d’origine. Con la chiusura di moltissime attività in tutto lo stato un gran numero di persone (molte delle quali vivevano e mangiavano sul posto di lavoro) si sono ritrovate senza cibo o riparo. A causa del blocco dei trasporti queste persone hanno dovuto percorrere centinaia di chilometri a piedi. A decine sono morte durante questi viaggi, non di Covid-19 ma di fame.

India coronavirus lockdown, migrants
Moltissimi migranti in India hanno camminato fino ai loro villaggi d’origine perché con il lockdown non avevano più di che sostentarsi © Yawar Nazir/Getty Images

Vikas Khanna, un uomo con una missione

Mia mamma vive da sola ad Amritsar e ho pensato: se avesse bisogno di aiuto e non ci fosse nessuno lì per lei?

Vikas Khanna

Ispirato dalle langar, le grandi cucine comunitarie dei Gurdwara, i luoghi di culto sikh, e aiutato dalle donazioni di cibo da parte di diverse compagnie in tutta l’India, Khanna ha creato 58 luoghi di distribuzione di cibo situati nei pressi dei benzinai negli stati dell’Uttar Pradesh e Bihar, rispettivamente nella parte settentrionale e orientale dell’India, per offrire pasti caldi ai lavoratori migranti in movimento. Il giorno prima di Eid, il giorno che celebra la fine del ramadan, il team dello chef ha donato a più di 200mila persone a Mumbai dei “kit festivi” con riso, lenticchie, farina, frutta, verdura, tè, caffè, spezie, zucchero, pasta, olio e frutta secca.

Catherine, Duchess of Cambridge, chef Vikas Khanna
Catherine, duchessa di Cambridge e lo chef Vikas Khanna © Jonathan Brady – WPA Pool/Getty Images

#FeedIndia

L’iniziativa di Khanna #FeedIndia ha raggiunto un nuovo traguardo. Dopo aver distribuito sette milioni di pasti a maggio, a giugno è riuscito a distribuirne 17 milioni. L’iniziativa ha avuto luogo in 125 città con l’aiuto del National disaster relief force, un ente ufficiale che si occupa della risposta ai disastri e grazie anche al sostegno di varie organizzazioni sul territorio. Gli aiuti non sono solo indirizzati ai lavoratori migranti, ma anche alla comunità transgender, ai pazienti affetti da lebbra, ai residenti in case di riposo e agli orfanotrofi. Khanna ha scritto di puntare a distribuire due milioni di pasti in un giorno alla comunità transgender, ai diversamente abili, ai lavoratori e le lavoratrici del sesso e ai pazienti affetti da Aids e Hiv.

Ha anche twittato di avere una “bella sorpresa” per un bambino di undici anni che durante il lockdown aveva pedalato per nove giorni da Varanasi al villaggio Araria, percorrendo oltre 600 chilometri, tirandosi dietro un carrello per trasportare i suoi genitori (la madre è cieca e il padre aveva una gamba rotta).

Dopo aver visto un’immagine di una bambina a piedi nudi sull’asfalto rovente, Khanna ha iniziato una raccolta per donare ciabatte a chi ne ha bisogno.

Infine, quando le ferrovie indiane hanno iniziato a fornire dei treni per far tornare gli Shramik (i lavoratori) nei loro villaggi, provvedimento preso in seguito a una sentenza della Corte suprema che ordina al governo di assicurare un ritorno sicuro nei villaggi, anche in questa occasione Khanna non ha abbandonato i lavoratori. Circa ottanta persone sono morte in questi treni, e secondo un ufficiale delle ferrovie locali le cause sono calore, sfinimento e sete. Rendendosi conto della situazione Khanna ha iniziato un’iniziativa per dare da mangiare anche ai passeggeri.

Vikas Khanna, mago del regno culinario, afferma che nulla può eguagliare la sensazione di aver nutrito le persone bisognose durante questa crisi senza precedenti. È “un’esperienza che va oltre ogni possibile risultato personale”. Non rimane che augurargli buona fortuna per il suo percorso solidale e sperare che i migranti indiani possano non solo sopravvivere a questa pandemia, ma emergerne con dignità e rispetto.

Tradotto da

Articoli correlati