Accogliere sensazioni ed emozioni

Conosciamo il Rebirthing come un metodo per “portare a galla e guarire i traumi, accogliere le paure e gestirle con calma attraverso il respiro controllato

A cura di Milena Screm

Infermiera e attenta osservatrice dei fenomeni psicologici legati alla malattia, Sondra Ray si rivolse ad Orr per esigenze personali, poiché stava vivendo un divorzio. Trovò nel metodo e nel suo ideatore strumenti ed opportunità che si sposarono perfettamente con le sue esigenze e che le permisero di dedicarsi completamente alla sua area di ricerca: relazione tra modelli di nascita e di comportamento e dinamiche legate alle relazioni. Questi due argomenti divennero il fulcro dell’insegnamento del Rebirthing nella scuola che Ray fondò dopo alcuni anni, nella quale confluirono altri insegnanti di spessore che avevano iniziato la loro esperienza con Orr, in particolare Fred Lerhman, Bob e Mallie Mandel, Phil Laut. Quest’ultimo successivamente si unirà a Jim Leonard.

Pochissimo tempo dopo che Ray fondò la sua scuola di Rebirthing (L.R.T. Loving Relationship Training), un altro insegnante decise di seguire le proprie intuizioni riguardo il metodo originario. A Jim Leonard si devono alcune focalizzazioni che hanno snellito e, al tempo stesso, reso più efficace e più facile da applicare il Rebirthing. L’attenzione di Leonard si concentrò istintivamente sull’atteggiamento maggiormente diffuso tra coloro che praticavano la respirazione profonda e circolare, durante le sessioni: la sua impressione fu che le persone identificassero come “risultato” quello che invece era un semplice “effetto collaterale”. Tanto più le persone lottavano con quello che il respiro tendeva a far emergere, tanto più l’esperienza era difficile e dolorosa; questo era erroneamente interpretato come la “prova” dell’efficacia del metodo rispetto alla teoria di base. L’intuizione di Leonard fu invece che tanto più la persona si predisponeva ad accogliere le sensazioni e le emozioni che il respiro suscitava, tanto più facile e non per questo meno efficace risultava l’esperienza.

Su questo punto é importante notare come aver identificato inizialmente il Rebirthing come un metodo per “portare a galla e guarire i traumi” influenzò fortemente l’attitudine e gli atteggiamenti degl’insegnanti e delle persone che praticarono il metodo per i primi 25/30 anni del suo sviluppo. All’inizio degli anni ’80 Jim Leonard aprì quindi la sua scuola di Rebirthing che chiamò inizialmente Rebirthing Integrativo e successivamente Vivation(TM).

Articoli correlati