Al Gore. An Inconvenient Truth

Il film di Al Gore che lancia un grido d’allarme al mondo intero circa i cambiamenti climatici è stato un successo al botteghino, il terzo in assoluto nella storia del box office, tra i documentari.

Perfino Madonna ha dovuto inchinarsi ad Al Gore, che nella
“documentary charts” Usa ha battuto tutti. Da maggio 2006 al 21
novembre quand’è uscito in Dvd, ora si rilancia qui in
Europa. In Italia, dal 19 gennaio.


Questo film di Al Gore è stato un blockbuster

negli Stati Uniti: il terzo in assoluto nella storia del box
office, tra i documentari.

Circa 3 milioni di americani l’hanno visto. Sfortunatamente,
meno dell’1% della popolazione, e molti, tra questi, certamente
già nel campo di Gore. Altri avranno staccato il biglietto
in segno di spregio contro la politica di Bush.

Ma oggi questi numeri valgono molto. Conta che questa attraente
e splendidamente prodotta “video lezione” rafforza davvero i
sentimenti di chi già ha una sensibilità
ambientalista, convince chi è scettico, e simbolicamente fa
entrare, per la prima volta nella storia della politica
internazionale, il tema dell’ambiente in una campagna
elettorale.

E lo fa entrare in scena, al centro.

Articoli correlati
Nell’Iran di Raisi i giovani sono più esclusi che mai

Mentre la vittoria di un presidente conservatore in Iran era prevista, la società non crede più che il proprio voto possa fare la differenza. Ne abbiamo parlato con la giornalista Cecilia Sala e alcuni studenti iraniani.