Cop28

Cop28, gli Emirati Arabi Uniti vorrebbero usare i negoziati sul clima per fare affari fossili

La presidenza emiratense della Cop28 è stata accusata dalla Bbc di voler sfruttare la propria posizione per fare affari legati allo sfruttamento di petrolio e gas.

Ultimo aggiornamento delle ore 20:30 del 28 novembre 2023: papa Francesco ha deciso annullare il viaggio a Dubai. A consigliare il pontefice in tal senso sono stati i medici alla luce dell’infiammazione respiratoria di cui Francesco soffre da alcuni giorni.


  • La Bbc ha pubblicato documenti che svelano il programma fossile degli Emirati Arabi Uniti alla Cop28.
  • Nessuna smentita dalla delegazione emiratense, solo stizza.

Papa Francesco c’è, Re Carlo III pure (con la Bbc al seguito, tra poco vedremo perché), Joe Biden manca. Ed è un’assenza pesante quella del presidente degli Stati Uniti d’America alla Cop28. Vuoi perché stiamo vivendo l’anno più caldo di sempre, con record letteralmente polverizzati ed eventi meteo estremi sempre più frequenti in ogni parte del pianeta, vuoi perché il territorio in cui si svolge la conferenza sul clima di quest’anno, gli Emirati Arabi Uniti (Eau), meriterebbe un’attenzione internazionale maggiore, vuoi perché in un momento di crisi sovrapposte, in cui conflitti internazionali e nazionalismi stanno monopolizzando le agende politiche di mezzo mondo, c’è bisogno di persone di un certo peso specifico in grado di bilanciare le priorità. E, su tutte, la crisi climatica non può più essere rinviata o tantomeno nascosta.

Espandere gli affari fossili alla Cop28, ah non si può?

E non è solo l’assenza di Biden a fare rumore. È di ieri la notizia che la presidenza emiratense della Cop, rappresentata dal Sultan Ahmed Al Jaber, inviato speciale per il clima degli Emirati e amministratore delegato del gigante petrolifero Abu Dhabi national oil company (Adnoc), vorrebbe sfruttare la ghiotta occasione per stringere accordi commerciali bilaterali e multilaterali legati alla produzione di combustibili fossili. Una notizia data dalla Bbc grazie al lavoro di alcuni giornalisti indipendenti del Centre for climate reporting (Ccr) con cui la Bbc collabora. La cosa che fa più riflettere è che la delegazione degli Emirati Arabi Uniti non ha smentito la notizia, ma si è limitata a dire che “gli incontri privati sono privati”, mentre un portavoce della Cop28 ha replicato che “i documenti citati nell’articolo della Bbc sono inesatti e non sono stati usati nelle riunioni preparatorie della conferenza”.

I documenti della Bbc mostrano interesse verso il gas naturale liquefatto

Nei documenti si può leggere come la Adnoc volesse incontrare i delegati cinesi per “valutare e condividere le opportunità legate al gas naturale liquefatto (gnl)” in paesi quali Mozambico, Canada e Australia. Oppure come l’Adnoc sia pronta a dare il proprio supporto al ministro della Colombia in caso volesse cominciare sfruttare il proprio potenziale fossile. Nel mirino del gigante petrolifero degli Emirati Arabi Uniti guidato dal presidente della Cop28 anche altri 13 paesi, incluso il Brasile, verso i quali la compagnia vuole mostrarsi pronta per nuove collaborazioni.

Gli affari privati rimangono privati

Eppure queste rivelazioni, più che aver dato vita a un giro di smentite, hanno provocato solo reazioni e commenti di fastidio, quasi come se tutto fosse normale e non si capisse il bisogno di una realtà così quotata, come la Bbc, di sollevare tutto questo polverone gratuito attorno ai business talk alla vigilia della partenza dei negoziati. La Cop28, infatti, comincia giovedì 30 novembre e andrà avanti fino al 12 dicembre. Una conferenza che, come anticipato, vedrà la partecipazione di papa Francesco. Il pontefice, il primo a partecipare a un vertice sul clima, sarà presente a Dubai dal 1 al 3 dicembre e ha anticipato la sua presenza con un tweet in cui ha affermato che “se abbiamo fiducia nella capacità dell’essere umano di trascendere i suoi piccoli interessi e di pensare in grande, non possiamo rinunciare a sognare che la Cop28 porti a un’accelerazione della transizione energetica. Questa conferenza può essere un punto di svolta”. Parole scritte proprio mentre la Bbc pubblicava le sue rilevazioni, quasi a sottolineare quanto la sfida per il clima debba andare al di là del profitto, specie se creato a beneficio di pochi esseri umani.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

L'autenticità di questa notizia è certificata in blockchain. Scopri di più
Articoli correlati
Restiamo obiettivi, persino a Dubai

Riuscire a non farsi influenzare dal contesto è sempre difficile per un giornalista. A Dubai lo è ancora di più, ma questo non deve inquinare il racconto del risultato che verrà raggiunto dalla Cop28.