Covid-19

Cosa prevede il dpcm per le feste di Natale, tra spostamenti e acquisti

Il decreto per le feste di Natale varato dal governo vieta spostamenti tra regioni e, nei giorni di festa, anche tra comuni. Resta il coprifuoco alle 22.

Il Consiglio dei ministri, nella notte di mercoledì 2 dicembre, ha approvato un nuovo decreto legge contenente le norme per contenere il contagio da Sars-Cov-2 ed evitare assembramenti durante le festività natalizie. Il nuovo decreto per le feste di Natale dispone proroga da 30 a 50 giorni la validità delle attuali limitazioni, che rimangono in vigore, ma crea anche una finestra temporale, valida dal 21 dicembre al 6 gennaio prossimi. In questo periodo, nello specifico, a quelle attuali si aggiungono ulteriori limitazioni.

  • saranno vietati gli spostamenti tra Regioni diverse (compresi quelli da o verso le province autonome di Trento e Bolzano), ad eccezione degli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute
  • il 25 e il 26 dicembre e il 1 gennaio saranno vietati anche gli spostamenti tra comuni diversi, con le stesse eccezioni (comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute).
  • sarà sempre possibile, anche dal 21 dicembre al 6 gennaio, rientrare alla propria residenza, domicilio o abitazione.
  • sarà vietato spostarsi nelle seconde case che si trovino in una regione o provincia autonoma diversa dalla propria. Il 25 e 26 dicembre e il 1° gennaio 2021 il divieto varrà anche per le seconde case situate in un Comune diverso dal proprio.

Il governo si riserva inoltre di intervenire con ulteriori dpcm nella fascia 21 dicembre – 6 gennaio, che prevedano limitazioni maggiori nel caso fosse necessario per l’acuirsi della curva di contagio.

Coprifuoco e ristoranti, cosa cambia

Food and travel, ristorante
Ristoranti chiusi di sera sotto le feste, anche quelli degli alberghi, ma aperti di giorno © Kaboompics/Pexels

Il Consiglio dei ministri specifica che le misure attualmente in vigore restano valide: rimane confermato dunque per tutto il periodo natalizio il coprifuoco alle ore 22, anche la vigilia di Natale e la sera di Capodanno, così come ovviamente saranno ancora chiusi i ristoranti, anche quelli degli alberghi che invece fino al 20 rimarranno aperti esclusivamente per chi pernotta. I ristoranti potranno però aprire a pranzo nei giorni di festa. I negozi chiuderanno alle 21, per provare ad evitare affollamenti negli stessi orari, le piste di sci rimaranno chiuse.

Articoli correlati