Coronavirus, una vittima in Francia. È la prima in Europa e la prima fuori dall’Asia

Un turista cinese di 80 anni è deceduto nella notte di venerdì 14 a Parigi, in Francia, dove era stato ricoverato a fine gennaio dopo aver contratto il coronavirus . Si tratta della prima vittima fuori dall’Asia e della prima in Europa.

Un turista cinese affetto da Covid-19, nome ufficiale per il nuovo coronavirus, è deceduto nella notte di venerdì a Parigi, in Francia. Era stato ricoverato a fine gennaio dopo aver contratto il coronavirus. Lo ha confermato la ministra della Sanità francese Agnès Buzyn durante un incontro con la stampa nella mattinata di sabato 15 febbraio. Si tratta della prima vittima fuori dall’Asia e la prima in Europa.

Leggi anche: Coronavirus: dalla Cina all’Italia, tutto quello che c’è da sapere sulla nuova epidemia

Chi è il turista cinese affetto da coronavirus deceduto in Francia

Si tratta di un uomo di ottanta anni ricoverato all’ospedale di Bichat, a nord di Parigi. L’uomo era arrivato in Francia il 16 gennaio ed era stato ricoverato in isolamento il 25 gennaio. Anche la figlia è risultata positiva ai test per il nuovo coronavirus ma i medici sono ottimisti circa le sue condizioni.

I due, originari di Hubei – la provincia cinese cuore dell’epidemia –, erano in visita a Parigi, quando l’uomo si è sentito male ed è stato portato in ospedale. “Le sue condizioni sono degenerate rapidamente e si trovava in uno stato critico da giorni. L’uomo è deceduto venerdì sera a causa di complicanze dovute a un’infezione polmonare causata dal Covid-19”, ha dichiarato la ministra Buzyn.

I contagi da coronavirus in Francia

A fine gennaio, la Francia è diventata la prima nazione europea a confermare dei casi sospetti di coronavirus. Ad oggi, sono undici le persone contagiate: sei di loro sono ancora ricoverate – la figlia dell’uomo deceduto e cinque turisti inglesi che hanno contratto il virus nel resort sciistico Contamines-Montjoie – , mentre quattro sono stati dimessi dopo esser guariti.

La situazione in Cina

Durante una conferenza stampa tenutasi sabato mattina a Monaco, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha dichiarato che la situazione in Cina è “sotto controllo”. Secondo il ministro, fuori dalla provincia di Hubei il numero di infezioni è diminuito per undici giorni consecutivi e il numero di persone guarite è aumentato rapidamente. “Il tasso di mortalità del Coronavirus è del 2,29 per cento in Cina e dello 0,55 per cento fuori. Questo dimostra che la malattia è curabile“, ha dichiarato, sostenendo che “la Cina uscirà da questa epidemia più forte” di prima e che “diventerà un’economia più forte e sostenibile”.

Tuttavia, alcuni dati rilasciati venerdì hanno dipinto un quadro diverso, rivelando anche i numeri relativi al numero di medici deceduti all’interno dei confini cinesi. Sei operatori sanitari sono morti e 1.716 sono stati contagiati da che l’epidemia è partita. Una situazione che non dà l’idea di essere sotto controllo. Le autorità locali, inoltre, hanno fatto fatica a rifornire gli ospedali con il materiale sanitario necessario ai medici per proteggersi, come mascherine, guanti e camici.

Non a caso, questo weekend, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha avviato un’indagine nei confronti della Cina.

persona tende braccio con mascherine in mano per proteggersi da coronavirus
Le autorità locali hanno fatto fatica a rifornire gli ospedali con il materiale sanitario necessario ai medici per proteggersi, come mascherine, guanti e camici © Kevin Frayer/Getty Images

La situazione dei contagi da coronavirus fuori dalla Cina

Le ultime notizie rivelano che i casi confermati da coronavirus all’interno dei confini cinesi siano saliti a quasi 66.500, con più di 1.500 decessi. Sono oltre 580 i contagi confermati fuori dalla Cina continentale e quattro i morti: uno nelle Filippine, uno a Hong Kong, uno in Giappone e uno in Francia.

Di seguito il numero di contagi per paese:

  • Giappone: 259
  • Singapore: 67
  • Tailandia: 34
  • Sud Korea: 28
  • Malesia: 21
  • Taiwan: 18
  • Germania: 16
  • Vietnam: 16
  • Australia: 15
  • Stati Uniti: 15
  • Francia: 11
  • Regno Unito: 9
  • Emirati Arabi Uniti: 8
  • Canada: 8
  • India: 3
  • Filippine: 3
  • Italia: 3
  • Russia: 2
  • Spagna: 2
  • Cambogia: 1
  • Finlandia: 1
  • Nepal: 1
  • Sri Lanka: 1
  • Svezia: 1
  • Belgio: 1
  • Egitto: 1
operatori igienizzano strada di wuhan in Cina per evitare diffusione coronavirus
Sono oltre 580 i contagi confermati fuori dalla Cina continentale e quattro i morti © Getty Images
Articoli correlati