Coronavirus

Coronavirus, a Wuhan chiudono gli ospedali provvisori. I pazienti sono stati dimessi

A Wuhan, in Cina, gli ospedali provvisori costruiti in tempi record per far fronte all’epidemia di coronavirus sono vuoti dopo che tutti i pazienti sono stati dimessi o trasferiti.

Tra i corridoi degli ospedali provvisori di Wuhan regna il silenzio, ma per la prima volta dall’inizio dell’epidemia di coronavirus è una bella notizia: tutti i pazienti sono stati dimessi o trasferiti in altre strutture.

Leggi anche: Coronavirus, le ultime notizie in Italia e dal mondo

Gli ospedali di Wuhan stanno finalmente chiudendo

Sono stati costruiti in tempi record, uno addirittura in meno di dieci giorni, in un momento in cui forse non si riusciva nemmeno a immaginare un epilogo del genere. Per gestire l’elevato numero di contagi, più di 80mila in tutto il paese, sedici strutture temporanee erano state adibite ad ospedali e per settimane hanno curato i pazienti affetti dal virus Sars-Cov-2, responsabile della malattia Covid-19.

Leggi anche: Ilaria Capua. Usiamo l’intelligenza perché per il coronavirus siamo solo un altro animale

Questa misura ha permesso di aggiungere 13mila posti letto ai cinquemila già esistenti ed è stata di grande supporto al sistema sanitario cinese, permettendo di trattare oltre 12mila casi solo nella zona di Wuhan. A partire da questo momento, i nuovi pazienti verranno assegnati agli ospedali designati e solo in caso di emergenza, verranno riaperti quelli provvisori.

La Cina si avvia a un lento ritorno alla normalità

La decisione di chiudere queste strutture d’emergenza arriva lo stesso giorno in cui la Cina registra il numero più basso di contagi dall’inizio dell’epidemia: solo 19 nuovi casi.

Leggi anche: Coronavirus, il parere dell’immunologo Attilio Speciani su come evitare il panico

infermiere festeggiano chiusura ospedali wuhan dopo fine coronavirus
A Wuhan, in Cina, gli ospedali provvisori costruiti in tempi record per far fronte all’epidemia di coronavirus sono vuoti dopo che tutti i pazienti sono stati dimessi o trasferiti © Str/Afp/Getty Images

L’isolamento totale ha dato i suoi frutti e ora il paese si appresta a tornare lentamente alla normalità: alcune strutture – tra cui Disneyland e Ikea – hanno cominciato a riaprire e sta iniziando a circolare la notizia di un’imminente riapertura di alcune scuole.

Articoli correlati